“Dalla memoria storica alla memoria digitale”

0

Un archivio elettronico di 8500 fascicoli, tra pratiche edilizie, concessioni e permessi a costruire, che rappresenta la "fotografia urbanistica" di Angri dagli anni '50 ad oggi. E' il risultato di sette anni di lavoro dell'ufficio tecnico del Comune di Angri, presentato ieri nell'ambito del convegno "Dalla memoria storica alla memoria digitale" sulla gestione documentale dell'Ente, tenuto nella Casa del Cittadino ed organizzato dalla U.O.C. "Comunicazione, Formazione e Innovazione". Il lavoro dell'ufficio tecnico si è reso necessario per la notevole mole di fascicoli cartacei che affollavano le stanze del settore, riguardanti i numerosi atti dei cittadini angresi a partire dai primi anni '50. Il continuo bisogno di consultazione e la difficoltà di reperire in tempi celeri i dati dai fascicoli spesso polverosi, ha spinto i dipendenti dell'ufficio nel 2005 ad avviare una graduale opera di caricamento dei dati su un software specializzato, "Archweb", che ha reso possibile ad oggi la costruzione di un certosino archivio elettronico di riordino di pratiche ed autorizzazioni. Uno strumento che ha reso possibile creare ben 8500 fascicoli elettronici che racchiudono sessant'anni di storia edilizia angrese, tra permessi, concessioni, pratiche edilizie, dati catastali, copie del tipo di intervento e grafici. Un archivio aggiornato continuamente, che si inserisce nel filone della dematerializzazione e della digitalizzazione degli atti, voluto dall'Amministrazione in carica. " Il documento elettronico sta via via prendendo il posto di quello cartaceo -ammette il sindaco Pasquale Mauri- e le nuove tecnologie hanno favorito i principi di accesso e trasparenza nei confronti dei cittadini. Stiamo investendo molto in tecnologia e innovazione, convinti che la conservazione di documenti, sia cartacei che informatici, sia fondamentale per custodire e valorizzare l’identità cittadina". Francesco Rossi

-Ads-

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here