Angri Calcio, Criscuolo: “abbiamo il dovere di guardare avanti”

0

E’ ancora forte in casa doriana il sentimento di delusione per l’eliminazione dalla coppa Italia maturata attraverso la roulette dei calci di rigore che ha premiato la maggiore freddezza mostrata dai calciatori dello Stasia. Una sconfitta che grida vendetta in casa grigiorossa e che per certi versi non è stata metabolizzata dall’ambiente ancora incredulo rispetto alla decisione del direttore di gara che non ha assegnato un rigore lampante al novantesimo per un fallo subito da Ferraioli. Il direttore di gara, Acanfora della sezione arbitri di Castellammare di Stabia, ha consumato l’ennesima beffa ai danni delle compagini angresi.

Lo scafatese Acanfora è stato protagonista anche della gara tra l’US Angri e l’Eclanese, con una direzione di gara a dir poco discutibile che provocò le accese proteste del pubblico doriano e del presidente Gianni Ferrara fermato per diversi anni dal giudice sportivo in seguito al referto di gara redatto dal fischietto scafatese. Due indizi fanno una prova e il comportamento adottato a fine gara dalla giacchetta nera non è andato giù alla dirigenza dell’Angri Calcio che ha già deciso di inviare un dossier al settore arbitrale campano.

-Ads-

“Le decisioni dell’arbitro non ci hanno convinto – sottolinea il patron Luca De Virgilio – ma vogliamo sottoporre all’attenzione dei responsabili del comparto arbitrale come certi atteggiamenti messi in atto da alcuni arbitri possano contribuire ad accrescere la tensione alla fine di una gara dal forte impatto emotivo”.

Sul fronte tecnico l’Angri ha ripreso gli allenamenti venerdì mattina e il tecnico Criscuolo ha tenuto un lungo colloquio con la squadra esortandola a guardare avanti tentando di agganciare le prime della classe.

“Una sconfitta come quella di Sant’Anastasia – spiega Enzo Criscuolo – è inevitabile che produca degli strascichi per il modo in cui è arrivata, però, abbiamo il dovere di continuare la nostra corsa in campionato perché siamo in piena corsa per i play-off e le prime della classe non hanno ancora ottenuto la promozione diretta, tutto è ancora in gioco e noi intendiamo essere protagonisti fino alla fine della stagione”. Il campionato non da tregua e domenica allo stadio “Leo” di Siano occorre abbattere la resistenza della Virtus Scafatese.

Con i canarini sarà una gara ricca di suggestioni considerato che sulla panchina dei canarini siede l’angrese Pasquale Esposito e in campo figurano ex grigiorossi come Memoli e l’attaccante Del Grande che ha vissuto l’ultima stagione prima della scomparsa US Angri 1927. All’andata l’Angri Calcio riuscì ad imporsi con un perentorio tre a zero prodotto dalle giocate di un irrefrenabile Ferraioli, protagonista di una doppietta, e di mosse superlative.

L’undici grigiorosso sarà privo del baby Giammetta, sconterà la seconda delle quattro giornate di squalifica, e di Tranfa che almeno per un mese dovrà restare lontano dai campi per un infortunio muscolare. Criscuolo ritroverà Amarante che potrebbe essere impiegato nell’insolito ruolo di trequartista rifornendo l’attacco che potrà contare sulla ritrovata vena di Montella che andrà a fare coppia con Falcone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here