“Un’offesa all’intelligenza degli angresi”

0

Ho voluto aspettare qualche giorno prima di affidare al mio computer il compito di trasformare in parole i miei pensieri. Stavolta ho preferito aspettare, riflettere, contare fino a mille, forse anche oltre. Agire d’impulso non è nella mia indole e per natura sono riflessivo.

Ho lasciato passare il tempo ma ancora oggi non riesco a trovare un’adeguata risposta. Non voglio tediare nessuno, ne ho la presunzione di essere l’opinion-leader della comunità, ma mi sento un cittadino che ha un cervello… e lo utilizza, per fortuna.

-Ads-

I dubbi nascono dalle azioni che sta portando avanti la nostra amministrazione comunale.

La goccia che ha fatto debordare il vaso è l’ampio clamore che il governo cittadino ha voluto, artatamente, provocare circa la “riapertura della villa comunale” avvenuta con tanto di taglio del nastro.

Premettendo che il “modus-operandi” dei nostri governatori è in piena sintonia con la tendenza del momento che si fonda più sull’apparire e non certo sull’essere, mi sono posto il dubbio circa l’opinione che il sovrano e la sua corte hanno della popolazione doriana.

Forse, (questo è un pensiero tutto mio…) credono di aver difronte un branco di ottusi con un basso livello d’intelligenza e con una cultura leggermente superiore a quelle delle tribù africane, altrimenti certe uscite non avrebbero altra spiegazione. “Riapertura della villa comunale” con relativo taglio del nastro.

Un EVENTO, qualcosa di veramente importante, avranno immaginato gli ignari cittadini e la vagonata di bambini che in quel momento sostavano nelle aree adiacenti.

Un Evento! EVENTO! Allora per non offendere l’intelletto dei cittadini, mi sembra giusto informare e chiarire che in villa comunale è stato semplicemente, ribadisco, semplicemente, attuata un’azione che anche nei più piccoli comuni d’Italia viene catalogata sotto la voce “ordinaria amministrazione” o ancora “cura del verde pubblico”. Ad Angri tutto questo, invece, rappresenta un EVENTO!

Non voglio togliere merito a chi ha profuso il massimo delle energie nel portare avanti i lavori, ma far passare la normalità come un qualcosa di straordinario, mi sembra un’offesa all’intelligenza degli angresi che restano apataci, ma pur sempre menti pensanti…meditate gente, meditate…  luigi d'antuono

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here