Consiglio comunale, giovedì si torna in aula

2

A distanza di meno di una settimana, è stato di nuovo convocato il Consiglio Comunale giovedì 30 Settembre alle ore 18:30 in Piazza Doria presso la Casa del Cittadino. Tra i punti all’ordine del giorno: Interrogazioni e risposte alle interrogazioni; Variazioni al bilancio di esercizio 2010 e triennale 2010/2012. Applicazione avanzo presunto di amministrazione; Riconoscimento legittimità debito fuori bilancio Azienda Speciale Angri Eco Servizi- spese per emergenza rifiuti anno 2008; Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica salvaguardia degli equilibri di bilancio. Esercizio 2010; Variante opere di urbanizzazione primaria PIP Taurana; Regolamento comunale sui procedimenti amministrativi. I punti all’ordine del giorno sono molto interessanti per la cittadinanza angrese, e infatti si prevede un’alta partecipazione come quella di venerdì scorso.

In particolare si prospetta un dibattito interessante circa il riconoscimento legittimità debito fuori bilancio Azienda Speciale Angri Eco Servizi- spese per emergenza rifiuti anno 2008.

“E’ opportuno che si instauri la prassi di non condannare in contumacia, è giusto, invece, dare la possibilità a chi viene attaccato di poter rispondere.” Queste le parole del Sindaco di Angri Pasquale Mauri, che, qualche giorno prima del Consiglio Comunale di venerdì scorso, ha dichiarato che avrebbe sfidato le opposizioni consiliari che lo hanno attaccato su mezzo stampa o in televisione, comunque, in contumacia a proporre le stesse questioni in Consiglio. “Dovete prendere atto – spiega Mauri in Consiglio all’opposizione – che i cittadini hanno scelto Mauri e la sua maggioranza, tra cinque anni sarà il giudizio degli elettori, che decreterà se abbiamo operato bene o male.” Non si è fatta attendere, dunque, la risposta del Sindaco Mauri alle dichiarazioni fatte dalle opposizioni alla stampa, che, a suo avviso, dovrebbe essere utilizzata quale mezzo di coesione sociale. Così come si evince dalle parole di Mauri anche la critica aiuta a governare meglio, ma deve essere rivolta ai fatti e non deve essere sterile.

“Per noi la campagna elettorale è finita, -continua Mauri – per noi è iniziato il grande senso di responsabilità per risollevare questo paese.” Il senso di responsabilità amministrativa che contraddistingue la sua azione, secondo Mauri, è testimoniata dalla mancanza di timore di perdere consensi, a cominciare dai dipendenti comunali, che a causa di un nuovo impulso oggi sono presenti negli uffici, chiedono il permesso per uscire, arrivano in orario e fanno il proprio dovere collaborando con l’amministrazione per dare le risposte ai cittadini.

Pasquale Mauri, inoltre, accende i riflettori sulla necessità di essere presenti sul territorio per trovare le soluzioni agli innumerevoli problemi. Il Sindaco Mauri precisa che per far crescere il nostro paese occorre vivere Angri, e vivere quotidianamente le ansie, le preoccupazioni e le aspettative dei cittadini, “io voglio incontrare i cittadini, perché devono avere la possibilità di criticarmi, di suggerirmi, di presentarmi delle istanze perché solo così si può essere il Sindaco della città.” Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here