Puc-reddito di cittadinanza, 25 unità nei progetti per sicurezza e ambiente

0

 

I percettori del reddito di cittadinanza saranno impiegati nei progetti presentati dal Comune di Angri per consentire a 72 risorse locali di poter contribuire in alcuni settori della macchina comunale.

-Ads-

Il primo cittadino Cosimo Ferraioli ha annunciato l’avvio del progetto a partire da oggi e le prime 35 persone, di cui 10 partecipanti presi in carico dal centro per l’impiego, saranno dislocati in diversi comparti.

Il progetto “Punto Green e Spazi Pubblici”, prevede l’impegno di 20 unità per i quali sono previste le attività di riqualificazione di aree parchi, aree verdi, luoghi di sosta e transito mediante la raccolta di rifiuti abbandonati e la valorizzazione del verde, puntando a migliorare il decoro urbano degli spazzi pubblici.

I beneficiari saranno impegnati inoltre nella manutenzione e cura delle aree verdi comunali, e del Cimitero. Manutenzione parchi giochi per bambini con attività di riparazione, verniciatura, la manutenzione restauro e mantenimento arredo urbano, piiccole manutenzioni negli edifici di proprietà comunale e nel ripristino intonaci, tinteggiatura e diserbamento stradale urbano.

I percorsi da attivare prevedono un impegno non inferiore a 8 ore fino ad un massimo di 16 ore settimanali da svilupparsi più giorni a settimana: dal lunedì al venerdì in base all’esigenza per 16 ore settimanali per ogni unità.

L’altro progetto redatto dai funzionari del Comune interessa il settore della “Sicurezza Scolastica/ Luoghi Pubblici Comunali”, che prevede il reclutamento di 15 partecipanti, per la realizzazione dei progetti di utilità collettiva.

Le attività del progetto prevedono l’impegno dei partecipanti nell’agevolare l’ingresso, l’uscita e gli spostamenti degli alunni all’esterno delle sedi di tutte le scuole del Comune di Angri.

L’azione dei partecipanti al Puc “non si limiterà solo all’attraversamento in sicurezza sulle strisce pedonali, consentirà anche una attività di supporto e di intervento, di aiuto e di segnalazione di eventuali emergenze o problematiche alla Polizia Municipale.

Inoltre alla chiusura delle scuole gli utenti verranno impiegati presso le strutture pubbliche comunali per attività di tutela, conservazione, custodia dei parchi pubblici, degli edifici pubblici e dei cimiteri”.

Le 15 unità impiegate saranno ripartite e impegnate per ogni plesso scolastico, considerando le molteplici entrate e uscite degli istituti. (n° 7 plessi scolastici: Primo circolo 4 ingressi; secondo circolo 3 ingressi ; terzo circolo 3 ingressi )e presso i luoghi pubblici comunali.

L’ora di lavoro è compreso dalle ore 7.45 alle ore 9.15 e dalle ore 12.15 alle ore 13.45, per sei giorni alla settimana per le attività che riguardano la scuola. La durata del progetto è estesa fino al 31 marzo 2023.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here