Volontari in azione: il “Chianiello” restituito al suo splendore!

0
I "Moscardini" hanno riparato il tavolo e le panche danneggiate nello scorso fine settimana

Prima la pulizia dell’area, grazie all’azione di volenterosi cittadini, e poi la riparazione del tavolo e delle panche garantita, come avviene da anni, dal gruppo degli “Amici della Montagna – Moscardini”, hanno cancellato la deturpante e vergognosa pagina scritta, nel fine settimana, dall’incursione di “cafoni”.

Sacchetti di spazzatura disseminati lungo l’area del Chianiello e tavoli danneggiati dalle mani incivili hanno provocato l’indignazione e lo sdegno della comunità doriana e soprattutto delle centinaia di persone che frequentano la zona verde del parco regionale dei Monti Lattari.

-Ads-

In città aumentano gli episodi di vandalismo che investono diverse aree e strutture del territorio. Solo la settima scorsa l’azione dei teppisti ha interessato l’asilo nido comunale “Giovanni Paolo II” nel “Quartiere Alfano”.

Una escalation di azioni che stavolta ha interessato una zona che da anni rappresenta il fiore all’occhiello della città doriana che solamente grazie all’opera dei volontari e dell’associazione “Amici della montagna” si è trasformata in luogo di aggregazione.

I rifiuti lasciati dai cittadini nella giornata di sabato sono stati prontamente rimossi nella prime ore di domenica dal consigliere comunale Giuseppe Del Sorbo che da anni frequenta la zona.

“Le immagini del Chianiello pieno rifiuti abbandonati sono un’offesa a tutti i cittadini della mia città che sanno quanto siamo fortunati ad avere questo posto così unico e straordinario – scrive il rappresentante della civica “Noi con Cosimo” – non lasciamo che un gruppetto ristretto di incivili lo rovini”.

L’esponente dell’amministrazione comunale nella sua azione di ripulitura ha trovato la collaborazione di altre persone che ieri mattina si trovavano sul pianoro del “Chianiello” per la consueta passeggiata.

“Ci tengo a ringraziare quelle persone che mi hanno aiutato a ripulire l’area – chiosa Del Sorbo – è nato tutto in maniera spontanea perché gli angresi civili sanno quanto sia importante salvaguardare questa zona”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here