Si dimette Maria D’Aniello: lettera aperta al commissario Valeri

0

 

Egregio Prefetto, con questa nota comunico formalmente la mia decisione di rassegnare le dimissioni dalla carica di Assessora con deleghe alle Politiche Sociali, Giovanili e Commercio del comune di Angri;
da quando ho accettato questo delicato compito, ho dato anima e corpo operando con tenacia, umiltà, correttezza e sempre con un profondo senso di legalità, mettendo a disposizione, dell’intera comunità, le mie competenze ed il mio tempo, sottraendolo, di volta in volta, ai miei impegni professionali e familiari.

A mio avviso le politiche sociali e giovanili sono linfa vitale, passione e dinamismo, e, troppo spesso mi sono scontrata con un’ottusa burocrazia e procedure amministrative rigide e farraginose che cozzano con l’immediatezza e l’estrema urgenza di cui si necessita, nella maggior parte dei casi, quando si tratta di disagio sociale, di sofferenza e di bisogni di prima necessità.

Provo molta rabbia e sconforto nel vedere un’attività, da me organizzata e fortemente voluta, basata sul volontariato e l’impegno civico gratuito, da parte di amici medici e professionisti che, in questi mesi, hanno dato la possibilità, a tante persone in difficoltà, di prevenire spiacevoli contingenze sanitarie e tutelare, ancor di più, il loro stato di salute.

La sospensione dei lavori dell’Ambulatorio Solidale “Chiara” è una sconfitta per tutta la comunità angrese,e, a pagarne le spese, sono, come sempre, le fasce più deboli, e questa situazione mi fa star male, mi mette in una situazione di forte disagio politico e personale; non mi è mai piaciuto fare da spettatore nelle difficoltà delle fasce più deboli, mi sono rapportata con le problematiche della disabilità, degli anziani, dei giovani e di tutte le fasce in difficoltà del paese, cercando di migliorare la loro vita sociale, a 360 gradi e cercando di essere, nel rispetto delle regole, pratica e risolutiva.
Sono convinta che sia giusto rimettersi in discussione e tornare, da subito, all’associazionismo, al volontariato, al cuore pulsante della nostra comunità, per una nuova politica di servizio e al servizio della collettività.

Sento il dovere di ringraziare il Sindaco, la giunta e i consiglieri comunali, con i quali, nel corso degli anni, si sono instaurati rapporti di fiducia, amicizia e collaborazione, con tante differenze e diversità, nei modi di approcciarsi e vivere l’impegno politico, ma sempre con il grande rispetto che contraddistingue le persone perbene; e ancora, ringrazio lei per la grande disponibilità dimostratami in ogni incontro e colloquio che abbiamo avuto, ma, soprattutto, ho il bisogno, morale ed emotivo, di ringraziare la mia comunità, i cittadini della mia straordinaria città, i ragazzi del centro Orsini, gli amici dei centri Anziani, i piccoli del centro minori, i tanti amici e sostenitori dell’ambulatorio solidale, i rappresentanti delle agenzie educative, scolastiche e sanitarie, i collaboratori del comune e dell’ufficio di piano; “è grazie a loro che tanto abbiamo fatto ed è grazie a loro che tante altre cose faremo per rendere, sempre più, la nostra comunità, una comunità moderna, funzionante e a misura d’uomo, dove nessuno resta indietro e dove, a piccoli passi, si costruisce benessere sociale”.  Maria D’Aniello

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here