Grigiorossi decimati dagli infortuni: passa la capolista Santa Maria

0

U.S. ANGRI 1927 0 – POL. SANTAMARIA    1
ANGRI: Calabrese. Ferrara, Di Palma (65’Visciano), Marino G, Loreto A (81’ Terracciano), Loreto M, D’Andrea (80’Barone), Coppola, Marino A, Ascione (52’ Tarallo), Nunziata.
A disp: Monaco, Montuori, Carrella, Masi, Coraggio.         All. Gargiulo
POL. SANTAMARIA: Grieco, Gargano, Izzo, De Sio, Fariello, Chiariello, Della Torre (92’ Morena), Simonetti, Margiotta, Capozzoli (80’ Bravaccini), Cherillo (80’ Pellegrino.
A Disp.Merola, Paracano, Itri, Landolfi, D’Angolo, Silo.        All. Cavaliere
Arb: Costa di Catanzaro
Rete 44’ Cherillo
Amm: De Sio, Chiariello (SM); Ferrara (A)
Angoli 7 a 5 per Angri
Rec: Pt. 3’; St. 6’

Angri: Con tanti titolari assenti per infortunio, l’Angri fa di necessità virtù affrontando a viso aperto una probabile candidata alla vittoria finale e scontrandosi con la dura realtà dell’eccellenza. Ben messa in campo, i giallorossi di Santa Maria offrono ai tifosi presenti sugli spalti un calcio fatto di fisicità e buona visione di gioco.
Tra i mattatori è certamente da annoverare Capozzoli, autentica spina nel fianco dei padroni di casa e a poco è valso l’impegno volitivo di Di Palma chiamato agli straordinari. L’Angri, sentendo oltre misura l’assenza di molti titolari, dal suo canto è riuscito a contenere gli avversari spezzando le loro azioni sul nascere e proponendosi con veloci ripartenze.
Galvanizzati da un brillante inizio di campionato il Santa Maria ha subito fatto conosce le proprie qualità partendo in velocità giocando sulle fasce e in particolar modo la destra dove ben si appostava e proponeva un Capozzoli in stato di grazia. Al 3’ l’affiatata coppia Capozzoli- Cherillo si mette in evidenza rasentando la marcatura. Il Santa Maria insiste e si ripete al 6’ su azione di calcio d’angolo calciato fa Chiariello per Fariello, Calabrese risponde presente con un ottimo intervento.
L’Angri si scuote e Marino Aldo in attacco cerca di far sentire la sua stazza fisica confezionando all’11’ un assist per D’Andrea, è bravo Grieco a intercettare. Passata l’euforia iniziale del Santa Maria, l’Angri prende le contromisure cercando di trovare lo spazio giusto per affondare le proprie azione verso la porta avversaria. Spinti da un eccellente pubblico gli uomini di Gargiulo fanno tutto quanto nelle proprie possibilità, stazionando a centro campo, dove un adattato al ruolo di centrocampista Marino Guglielmo ha distribuito palle in quantità per l’omologo Marino e Nunziata divenendo spesso il cuscinetto per attutire i colpi avversari a centrocampo. A fare la loro parte i fratelli Loreto che hanno spinto i propri compagni in avanti.
Al 44’ quando già si era dell’idea di andare a riposo con un buon pareggio, gli ospiti scappano sulla fascia destra grazie a Capozzoli che semina tutti e dal limite lascia partire un perfetto assist per Cherillo; a nulla serve l’intervento di Calabrese che vede mestamente il pallone finire nella propria rete.
In svantaggio l’Angri non si disunisce e ritorna in campo con concentrazione. Mister Gargiulo al 52’ butta nella mischia l’acciaccato Tarallo che al 60’ sfiora il palo a portiere battuto su calcio di punizione dal limite. Ancora su punizione ci pensa Nunziata al 67’ mandando la palla a scheggiare la traversa. Mister cavaliere richiama in panchina all’80’ sia Capozzoli che Cherillo arretrando il proprio baricentro con l’innesto di più freschi difensori che hanno fatto barriera al limite della propria area. Senza doversi preoccupare della rapidità di Capozzoli e Cherillo, l’Angri si fa più convincente e all’81’una veloce incursione di Nunziata mette in difficoltà la difesa avversaria che solo grazie a un attento Grieco, l’Angri non agguanta il risultato di parità. Occorre ora, dopo la seconda sconfitta consecutiva anche se subite entrambe con il minimo scarto che quanto prima si riprendano dagli infortuni quegli elementi di cui se ne è sofferta la mancanza per poter finalmente dire la propria in questo campionato.
Vincenzo Vaccaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here