Il “pompiere” Salvatore Grisù La Mura scrive: “Caro Stato…”

0

 

 

-Ads-

 

di Giuseppe Afeltra – Da diverse settimane la Campania brucia. Gli incendi boschivi, appiccati da gente senza scrupoli, criminali devoti solo al dio denaro, offrono uno spettacolo indegno, ledono la salute dei cittadini e minacciano le loro case e attività. I roghi sono dappertutto, l’aria è irrespirabile e la cenere si diffonde in ogni dove, trasportata dai venti forti degli ultimi giorni. Lo scenario è spaventoso e le bellezze paradisiache delle nostre terre si stanno trasformando in un inferno di fuoco e desolazione; davanti a tutto questo l’ultimo baluardo sono i Vigili del Fuoco sostenuti dai volontari della Protezione civile e dai cittadini. Gente molto coraggiosa e malpagata, costretta ad un super lavoro per mettere in salvo persone, animali e natura.

La lettera allo Stato che riportiamo di seguito, scritta un anno fa dal “pompiere” angrese Salvatore Grisù La Mura, cade a pennello ed è ancora attuale:

“Caro Stato, sono un pompiere, si un pompiere, perché la gente sa che sono un vigile del fuoco ma gli piace chiamarmi così e a me non dà fastidio per niente. Da 16 anni lavoro per te. Guadagno il 50% della busta paga, 1400 euro (Oggi 300 euro in meno rispetto la maggior parte delle altre forze di polizia) l’altra metà la trattieni tu. Eh si, per la pensione dicono, ma chi ci crede più… soprattutto dopo il mandato di Monti, che tra le lacrime di una sua collaboratrice, ha spostato il traguardo, non di un mese, non di un anno, ma addirittura di 10 quasi. Ma questo serve per i giovani, avanza il nuovo, new generation, welfare, job act, spread, rating, spending review, default, fiscal compact, vedi caro Stato, sembra un po’ tutto una presa in giro perché noi pompieri di giovani assunti ne vediamo sempre meno. Se prima una squadra di soccorso era composta in 7 unità adesso siamo in 5, e nel mio caso una sola squadra copre un territorio con oltre 200.000 abitanti Forse tu non sai Caro Stato che noi tutti abbiamo tanta monnezza nella pleura…e abbiamo la certezza che scatenerà un tumore, basta solo aspettare, e sperare che questo avvenga dopo essere già morti di altro , ma in questo per fortuna ci aiutate voi quotidianamente, bloccandoci il contratto da anni, dimezzandoci il personale, non fornendoci mezzi adeguati , facendoci preoccupare per i nostri figli, moltiplicandoci gli incarichi e tutto a costo zero e offendendoci stanziando 5 € al mese di aumento, soltanto dopo che l’Europa vi ha costretti a sbloccare i contratti del pubblico impiego. Neanche il lavoro usurante ci avete riconosciuto, perché è vero che non siamo minatori, ma dopo aver vissuto anni in mezzo a incendi, alluvioni, terremoti, a 40° o sottozero, inzuppati fradici, e dopo essersi sporcati di urina, sangue, feci e vomito credo proprio che non sia stata una passeggiata di salute il nostro lavoro, e quando protestiamo per questi motivi, non trovate di meglio che farci randellare dalla polizia come se fossimo dei delinquenti. Caro Stato, io non ti sto raccontando una storia particolare, ma quella di un normale vigile del fuoco, questa è una storia comune a tutti noi. Vedi, noi pompieri ogni giorno siamo in strada a salvaguardare la salute della gente, con grandissima professionalità e non facendo alcuna distinzione, abbiamo soccorso bianchi o neri, ricchi o poveri, cattolici o musulmani, politici o impiegati, onesti e delinquenti, sempre dando il massimo e non chiedendo neanche un grazie in cambio. Il nostro lavoro è proiettato verso il soccorso e la prevenzione delle vite umane, nel nostro dna non possiamo accettare questa somma sporca del sangue delle vittime, non possiamo pensare che per avere l aumento che ci meritiamo per quello che facciamo, (che è almeno 7 volte gli 80 €) dobbiamo sperare che in futuro accada qualcosa di grave nel nostro paese. Guardavo il servizio del TG5 ieri sera sulla sciagura di Corato. Ma questi giornalisti che intervistano chiunque abbia una maglietta da volontario, non si vergognano? Soccorrere significa essere stremati, soccorrere vuol dire rischiare la tua vita per salvarne un’altra, soccorrere vuol dire sporcarsi, soccorrere vuol dire lavorare senza tregua finché c’è una vita in pericolo…..E le tv mi fanno vedere l’intervista a tre personaggi con una polo bianca e candida col colletto alzato da fighetti che visto, come tutti noi sappiamo, non operano finché non c’è sicurezza e quindi hanno il tempo di lasciare dichiarazioni su quanto noi professionisti stiamo facendo. Mi è parso di sentire:  “Abbiamo coordinato le operazioni…” ma carta igienica ne avete??? Allora coordinatevi una cagata!!! Caro Stato ci stai togliendo tutto, la professionalità, il coraggio, l’onore, il patriottismo, la speranza nostra e dei nostri figli, non levarci anche la dignità…”

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here