Centro Orsini, l’opposizione: “servono fatti concreti per le fasce deboli”

0

Dopo le ingiustizie subite dagli anziani per la scelta dell’amministrazione Ferraioli di far frequentare il centro solo ai 50 prescelti , i disagi di tanti scolari  che oggi hanno ripreso le lezioni nelle aule gelate per il malfunzionamento dei riscaldamenti, anche il centro Orsini di Angri ,dopo la chiusura delle festività natalizie,ancora non è stato riaperto. L’amministrazione Ferraioli continua a deludere le fasce deboli non curandosi dei veri bisogni.

Il centro “Orsini”rappresenta per i ragazzi diversamente abili del nostro paese e non solo, il luogo dove possono trascorrere la quotidianità, vivendo in armonia ,svago e felicità, non poterlo frequentare rappresenta un grave disagio per tutti loro. Le famiglie di tutti i ragazzi sono amareggiate, visto che nessuno degli amministratori si è curato di avvisarle o di dare spiegazioni.

L’unica risposta è stata :”Vi faremo sapere ! “Impensabile non provvedere nei tempi giusti ai dovuti adempimenti per non interrompere un servizio così importante.

Il sindaco Ferraioli dovrebbe rivedere le capacità e le sensibilità di chi è stato investito di occuparsi del sociale, riferendoci all’assessore e al Consigliere che tanto dicono di avere a cuore le fasce deboli. In particolare vorremmo suggerire alla Consigliera D’Aniello che con i fatti concreti si danno le risposte ai cittadini non con banali dichiarazioni. Continuare in questo modo è deludente e si rischia di cadere nel ridicolizzare il compito di un amministratore locale.

Riteniamo che ci voglia una presa di coscienza da parte del sindaco Ferraioli dell’incapacità di chi si occupa dei servizi sociali, anche se al dire il vero hanno buona volontà. Se non si dà atto di ciò alla fine a pagarne le pene sono le persone che meritano amore e attenzione più di chiunque altro.

Comunicato stampa – I Consiglieri Comunali
Pasquale Mauri – Annamaria Russo – Domenico D’Auria

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here