Rio Sguazzatoio, il Comune a muso duro contro il Consorzio di bonifica

0

 

Pulizia degli argini del Rio Sguazzatoio, il Comune di Angri a muso duro nei confronti del Consorzio di Bonifica Integrale a cui spettano appunto questi minimi interventi di manutenzione. Palazzo di Città, che già aveva diffidato l’Ente comprensoriale ad attivarsi per la rimozione dei detriti, ha emesso una specifica ordinanza per tutelare la privata e pubblica incolumità.

Ciò «in considerazione dell’accumulo di materiali incoerenti lungo le aree pubbliche e i fondi privati, della creazione di un habitat per diversi animali, della chiusura di una via che può sempre rivelarsi idonea per interventi in caso di emergenza come nell’eventualità di forti precipitazioni meteoriche con rischi di inondazioni delle aree limitrofe».

Sullo sfondo le proteste e i disagi dei residenti della zona. Con il provvedimento il primo cittadino ha intimato al Consorzio di  «provvedere immediatamente alla rimozione dei detriti di dragaggio lungo l’argine del Rio Sguazzatoio con ripristino del corso d’acqua,
dello stato dei luoghi e loro pulizia».

In caso di ulteriori ritardi e omissioni da parte del Consorzio, l’amministrazione potrebbe anche agire in danno compiendo le opere a proprie spese per poi ribaltare i costi sul soggetto responsabile per legge. Un’eventualità non remota visti i ritardi accumulati da parte dell’Ente comprensoriale. Una omissione che potrebbe avere starscichi di altra natura.   Pippo Della Corte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here