Grigiorossi nervosi, l’Intercampania strappa il pareggio

0

 

U.S. ANGRI: De Marinis, D’Antonio V, Ruocco, Cuomo (57’Savino), Alfano, D’Antonio F, Tortora, Pucci (68’ Salzano), Moscariello (28’ Montuoro), Loreto Quattroventi.

-Ads-

A disp: Guidone, Criscuolo, De Marinis A, Nasta.

INTERCAMPANIA: Raiola, Palazzo, Squitieri, Carotenuto (65’ Veneziano), D’Ambrosio, Dolgetta, Capistrano (46’ Lanzetta), De Biase, Longobardi, Di Leva, Albero (87’ Granato).

A disp: Ferrara, Crescenzo, Capucci. All: Balestrino-Ronga.

Arb: Fontanella di Castellammare di Stabia

Reti: 39’ Di Leva, 60’ D’Antonio F. (rig)

Espulso al 20’ Ruocco (A)

Amm: D’Antonio V (A); Squitieri, D’Ambrosio, Dolgetta, Capistrano, De Biase, Albero (I).

Angoli 3 a 0 per Angri

Rec: pt 5’; st 4’

Angri: Puoi giocare alla grande ma se alla base non v’è serenità tutto diventa difficile. Contro l’Intercampania l’Angri sperava di raccogliere quei punti andati perduti nelle ultime gare, invece le vicende societarie hanno enormemente condizionato l’undici in casacca grigiorossa. Troppo nervosi, i ragazzi angresi non sono riusciti ad avere la meglio sull’avversario nonostante per tutta la gara, pur se giocata in dieci, si è registrata una decisa superiorità.

Doveva essere la gara del riscatto invece il terremoto societario messo in essere in settimana non ha dato serenità all’undici in campo che pur impegnandosi non hanno mai trovato la chiave di volta per avere ragione dell’avversario. Ai punti l’Angri avrebbe stravinto ma conta però mettere il pallone alle spalle del portiere e questo grazie anche all’attenta difesa avversaria non è avvenuto se non in occasione del calcio di rigore.

Troppo nervosi i ragazzi grigiorossi si sono fatti ingabbiare dall’Intercampania che con sagge perdite di tempo hanno portato a termine la partita raccogliendo quanto volevano, un punto prezioso e insperato alla vigilia. L’arbitraggio non è sembrato sempre all’altezza in particolar modo nell’intervento che ha causato l’espulsione di Ruocco; a molti sembrata affrettata e senza una causa che ne giustificasse l’estremo intervento coadiuvato poi da una lunga serie di ammonizioni che hanno spezzettato il gioco favorendo le intenzioni della squadra ospite quelle di portare in porto un risultato positivo.

C’è anche da rimarcare che la ingiusta espulsione ha costretto i padroni di casa a giocare per quasi tutta la gara in inferiorità numerica. Insomma un momento non bello per i colori grigiorossi considerato anche da come sono andati sotto nel momento di maggior pressione sotto la porta di Raiola che ha letteralmente salvato al 5’ un gol quasi fatto su due conclusioni di Fabio D’Antonio. L’Angri ha continuato nella pressione sguarnendo la propria difesa e al 39’ su intervento difettoso di Loreto, la palla si presenta su un piatto d’argento a De Leva che tutto solo si invola dalle parti di De Marinis centrando lo specchio della porta.

Un episodio questo che ha condizionato tutta la gara del capitano Loreto di solito sempre tra i migliori e impeccabile in campo. L’Angri negli spogliatoi riesce a riordinare le fila, scende sul terreno meglio concentrato e i frutti si vedono grazie ad un pressing costante che costringono al 60’ al fallo in area da rigore. Forti le proteste degli ospiti ma la frittata era ormai fatta e dal dischetto il bomber D’antonio non sbaglia. Il punto pur se striminzito è accettato come il bicchiere mezzo vuoto. In settimana bisognerà ritrovare la giusta concentrazione per ripartire verso la parte alta della classifica.

Vincenzo Vaccaro

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here