Il consigliere Sorrentino: “troppo livore genera polemiche sterili e incomprensibili”

0

 

“Risulta incomprensibile il senso di alcune polemiche che gli esponenti dell’opposizione stanno sollevando in questa fase!”. Il consigliere comunale Massimo Sorrentino si pronuncia in merito alle dichiarazioni rilasciate dall’ex assessore Anna Maria Russo in merito alla vicenda dei mancati pagamenti ai borsisti.

-Ads-

“Non voglio entrare nel merito dei metodi adottati dalla passata amministrazione per l’assunzione di queste figure che stanno lavorando al Comune – precisa Sorrentino – ma non capisco con quale spirito e su quali elementi si possa affermare che la nuova amministrazione sta sprecando denaro pubblico in feste o eventi di altro genere, l’assessore ha memoria corta e ha già dimenticato di aver amministrato la città negli ultimi cinque anni lasciando tanti punti interrogativi nel bilancio comunale che non è stato approvato dalla precedente amministrazione ma toccherà a noi farci carico delle carenze finanziarie dell’ente”.

L’esponente della civica “Grande Angri” già nelle passate settimane aveva esortato opposizione e maggioranza a stemperare i toni alla ricerca di una coesione amministrativa in grado di rilanciare la città.

“In alcune uscite si nota il livore nei confronti di chi è stato designato dalla popolazione a guidare la città – spiega Massimo Sorrentino – però il dato inconfutabile è che la gente ha scelto Ferraioli come sindaco bocciando la compagine amministrativa che ha diretto la città dal 2010 fino allo scorso mese di giugno, la gente ha fatto le sue scelte e ora attende risposte che intendiamo assolutamente dare con fatti concreti ma sinceramente non si possono accettare critiche senza alcun fondamento se non quello di un risentimento palpabile verso chi ha ereditato la guida della città – conclude il consiglieri Sorrentino – non abbiamo la bacchetta magica per risolvere i problemi della città nel giro di tre mesi, però, abbiamo tutte le energie e le professionalità per tirare fuori Angri da una situazione critica nelle quale l’abbiamo trovata”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here