Noi con l’Italia, chiede il rinvio della scadenza per la mini Imu

0

L'associazione Noi con l'Italia chiede all'amministrazione comunale di rinviare il pagamento della rata della Mini IMU, in scadenza il 24 gennaio. Tanto, soprattutto dopo aver appreso che nell'agro nocerino sarnese, soltanto noi cittadini angresi, in compagnia di altri tre comuni, saremo chiamati a mettere mano al portafoglio. Pertanto, gli attivisti fanno appello all'amministrazione comunale affinché faccia marcia indietro, al fine di ridurre la pressione fiscale verso i propri concittadini. In questo modo il governo Mauri senz'altro farebbe qualcosa di concreto per i cittadini già attanagliati dalla crisi, dimostrando di avere il coraggio di optare per scelte politiche forti, invece di nascondersi sempre dietro al tecnicismo dei numeri. “Non ci interessa fare polemiche contro l'amministrazione comunale, -afferma Franco Incoronato, presidente di Noi con l'Italia- vogliamo semplicemente fare una proposta in favore di circa 4000 famiglie di comuni cittadini: ovvero rinviare il pagamento della rata della Mini IMU. Lo slittamento di questa scadenza, infatti, potrebbe essere utile agli uffici comunali per individuare soluzioni per abolire quest'ulteriore forma di pressione fiscale, per individuare 200.000 euro circa di costi inutili da tagliare, a fronte delle minori entrate a carico dei cittadini proprietari di prima casa. Auspichiamo, quindi, che Mauri accetti la nostra proposta, assumendo una decisione politica forte, anche al limite delle norme, ma a vantaggio dei cittadini: dimostrando, così, di avere gli attributi, nel senso politico del termine. Secondo noi è possibile tagliare spese inutili e rinunciare a tale entrata per l'ente -a meno che la situazione economico-finanziaria del Comune di Angri non sia drammatica e sotto la minaccia del dissesto- così come hanno fatto tante altre amministrazioni comunali, in nome della sensibilità verso tante famiglie che potrebbero essere notevolmente risollevate sapendo di non dover versare la rata della Mini Imu.” Un esempio di coraggio politico si rinviene nel provvedimento dell'amministrazione di Cava de' Tirreni che, qualche giorno fa, ha deciso di rinviare il pagamento della rata della Mini IMU, nell'ottica di trovare una soluzione per eliminarla: il sindaco Galdi ha motivato questa scelta come “un gesto di solidarietà e condivisione, in un momento delicato, che testimonia la volontà della amministrazione di operare una progressiva riduzione della pressione fiscale nella città.” Un'analoga scelta da parte dell'amministrazione Mauri sarebbe certamente apprezzata dall'intera comunità. Angri, 20/01/2014 Noi con l'Italia

-Ads-

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here