Fratelli d’Italia: “Mauri un sindaco da favola, quella di Pinocchio”

0

Tranquilli è solo l’ennesimo atto teatrale del nostro primo cittadino, che ha scambiato palazzo di città per il teatro da lui promesso in campagna elettorale. A partire dagli ultimi fatti accaduti in questi giorni, causa maltempo Angri è in balia delle acque.

Mauri si dibatte, accusando i vari Enti sovracomunali per il non intervento sul Rio Sguazzatoio, ricordiamo però che all’inizio del suo mandato fù lui a fare la passerella politica in quelle zone, rassicurando i residenti sulla rapida risoluzione del problema.

-Ads-

Ora se per il Rio Sguazzatoio la responsabilità (a suo dire) non è ascrivibile a lui, chi è il responsabile degli allagamenti che hanno interessato tutto il resto della città? Di motivi per rassegnare le dimissioni ce ne sono eccome!

A partire dall’affidamento alla Soget con affidamento diretto senza uno straccio di bando pubblico Stessa cosa è avvenuta per l’affidamento del servizio di assistenza alla redazione del Puc, all’università di Napoli per un importo di 400 mila euro.

L’ istituzione di una ZTL utile solo a far cessare decine di attività commerciali. Abbattimento selvaggio di centinaia di alberi. Il silenzio incosciente sulla grave e massiccia presenza di amianto in città, e ancora l’incapacità di risolvere l’annoso problema del Distretto Sanitario. Mauri si è dimostrato un sindaco da favola, quella di Pinocchio.

Confusione? Anomalia? Niente di tutto questo, semplicemente teatro dove ognuno tenta di interpretare i personaggi di Carlo Collodi. Pinocchio, il Gatto e la Volpe, Lucignolo, il Grillo Parlante, la Fata Turchina, i Burattini e gli Asinelli… Ai lettori l’arduo compito di mettere accanto ai personaggi il giusto interprete Angri, 03.10.2013 Portavoce Fratelli d’Italia Maria D’Aniello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here