Elezioni: i conti non tornano nell’Udc angrese

0

Aleggia aria di tempesta nel gruppo di maggioranza che sostiene il sindaco Mauri rimasto incredulo e deluso dai risultati maturati dalle urne angresi. Il primo cittadino si attendeva la solita vagonata di voti prodotta dal plotone di uomini appartenenti alla sua compagine politica. I consensi (1491) raccolti dal giovane candidato Domenica D’Auria invece hanno fatto emergere tutte le carenze e la disapprovazione verso il leader locale.

La solida maggioranza sbandierata dal sindaco Mauri non c’è più! C’è una frangia interna del gruppo che sta cercando di prendere, velatamente, le distanze dalla strategia politica e amministrativa attuata dal governatore doriano.

-Ads-

Il malcontento traspariva già dalle solite “voci di marciapiede” che si sono rivelate propedeutiche al clamoroso flop dell’Udc locale. I numeri raffigurano la debacle nonostante il tentativo giustificato, ma vano, del candidato D’Auria di mascherare il “tradimento” di alcuni colleghi del civico consesso.

L’Udc angrese avrà anche ottenuto una delle percentuali più alte in ambito regionale, così come affermato dai vertici locali del partito, ma occorre anche ricordare che la piazza angrese ha messo in campo una compagine che conta oltre venti amministratori tra sindaco, assessori, consiglieri comunali e componenti dei vari consigli di amministrazione che hanno sempre espresso fedeltà al sindaco Mauri e all’Udc salernitano. I conti, nonostante le alchimie politiche e una insensata diplomazia, non tornano in nessuno modo nella maggioranza “mauriana”.

Difficile immaginare un regolamento di conti nell’immediato perché non gioverebbe soprattutto al primo cittadino già alle prese con un raggruppamento sfibrato tenuto compatto solamente da impegni di natura politica che devono essere onorati e da qualche consigliere responsabile che non esiterebbe a voltare le spalle al sindaco di turno. Luigi D’Antuono

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here