Il Comune conta di recuperare un milione di arretrati

0

Ruoli coattivi Tarsu 2010: in partenza migliaia di raccomandate per circa un milione di euro “nelle more dell’approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2013”. È quanto emerge da una recente determina a firma del responsabile programmazione e risorse del Comune, Gaetano Spera, tenuto conto che “al fine di accelerare i tempi di incasso è stato inviata una raccomandata a ciascun contribuente che non aveva rispettato le scadenze previste, con gli avvisi bonari un ulteriore avviso di pagamento”.

Insomma, il Municipio non abbassa la guardia e intende recuperare la tassa rifiuti solidi urbani del 2010 nonostante abbia anche approvato un discarico cospicuo pari a poco più di 178mila euro a favore di coloro che, in base alla documentazione prodotta, non avrebbero dovuto pagare. Da evidenziare che in questo caso l'azione di accertamento e recupero è stata portata avanti da Equitalia prima dell’affidamento alla Soget.

-Ads-

Tra i soggetti iscritti in uno specifico elenco di debitori, non solo i possessori di residenze, ma anche di esercizi commerciali, bar, ristoranti, attività artigianali, depositi. Una pluralità di soggetti, insomma, che a quanto pare avrebbero omesso di pagare la tassa relativa ai rifiuti. Una voce che pesa nelle pieghe del bilancio comunale. Ora, in base ai dati elaborati da Equitalia i morosi riceveranno un ulteriore sollecito di pagamento tramite raccomandata con l’invito a regolarizzare la propria posizione evitando di incorrere in sanzioni.

L’obiettivo di Palazzo di Città è incamerare liquidità anche per far fronte ai sempre maggiori flussi di spesa. Proprio con riguardo alla gestione del ciclo dell’igiene urbana pesano notevolmente le uscite per il conferimento in discarica e lo smaltimento dei rifiuti. Costi ogni anno sempre crescenti. Pippo Della Corte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here