Provincia, Mauri consigliere fantasma: mai presente nel 2012!

0

C’è un consigliere, in Provincia, che nel corso di quest’anno non si è seduto sullo scranno consiliare neanche una volta, disertando tutte le venticinque sedute convocate da gennaio ad oggi. È Pasquale Mauri, sindaco di Angri, eletto nella lista dell’Udc e rimasto nel guado quando il partito si è spaccato tra gli assessori rimasti al fianco di Cirielli e alcuni consiglieri passati all’opposizione.

La maglia nera non la indossa da solo: un altro sindaco, Franco Alfieri di Agropoli (Pd), di presenze ne ha racimolate soltanto due, ed entrambe a marzo. Poi a Palazzo Sant’Agostino non si è più visto.

-Ads-

Nella parte bassa della classifica si trova pure Costabile D’Agosto, ex capogruppo consiliare dell’Udc, che da settembre è entrato in giunta. Fin quando è stato in consiglio si sono tenute 17 sedute, ma lui ha partecipato solamente a sei, con qualche assenza strategica nei momenti più aspri della tensione tra il Pdl e i centristi.

Non ha fatto molto meglio, nei banchi dell’opposizione, Giovanni Savastano del Pd, che la parola “presente” l’ha pronunciata solo otto volte in tutto il corso dell’anno. Il record di presenze in aula, anche per ragioni istituzionali, spetta invece al presidente dell’assemblea Fernando Zara: eletto nella lista “Alleanza per Cirielli” non ha mancato una volta al suo ruolo di guida dei lavori consiliari. Lo seguono a ruota, con una sola assenza, Giovanni Coscia del Pd e Alessandro Schillaci Franza del Pdl.

Si piazza bene, con ventitré presenze su venticinque sedute, anche Massimo De Fazio (Pdl), seguito a ruota dall’ex presidente Angelo Villani, che in un anno ha collezionato soltanto tre assenze. In giunta lo scettro dell’assiduità spetta senza discussioni ad Antonio Iannone, che sia nei panni attuali di presidente che in quelli di vice, vestiti sino a ottobre, non ha mai fatto mancare il suo apporto.

Centra così l’obiettivo del cento per cento di presenze alle cinquanta sedute dell’esecutivo convocate dall’inizio dell’anno. Gli altri assessori sono tutti distanziati, anche in seguito agli avvicendamenti che si sono succeduti negli ultimi mesi. Tra i meno assidui Adriano Bellacosa: delle 24 sedute del secondo semestre ha partecipato soltanto a otto.  (fonte: La Città)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here