Ferrara medita l’addio, attacca amministrazione e sponsor!

0

Un fiume in piena il massimo dirigente dello United Sporting, Gianni Ferrara, che a fine gara, complice anche l’amarezza per una direzione di gara discutibile, non ha lesinato stoccate alle varie componenti calcistiche locali. Un j'accuse generale che non ha risparmiato proprio nessuno partendo dal campionato.

“Questo è un campionato falsato dove emergono solo interessi particolari, dove la correttezza e la signorilità non pagano e dove squadre usano metodi bruschi e inurbani per ottenere risultati. Si vanificano gli sforzi e i sacrifici di una dirigenza che, giorno dopo giorno, deve barcamenarsi per portare avanti gli ideali di sport e correttezza”.

-Ads-

Il presidente grigiorosso tira in ballo anche il governo cittadino tacciato di scarsa attenzione verso le realtà sportive del territorio e indifferente rispetto alla pessima condizione in cui versa lo stadio comunale. “In un paese in cui l'amministrazione comunale è sorda a qualsiasi richiamo dello sport e in cui la struttura principale è degna di un impianto per il trotto dove è impossibile poter effettuare tre passaggi di fila”.

Imprevedibile, invece, l’offensiva contro il gruppo “AR”, main sponsor della compagine doriana: “lo sponsor principale, dopo aver sottoscritto pubblicamente a mezzo di conferenza stampa ufficiale con la presenza di tutte le componenti della comunicazione, rinnega qualsiasi impegno di natura economica pur avendo la squadra portato in giro fino ad oggi il marchio della sua azienda”.

Il pamphlet di Ferrara è indirizzato a tutte le componenti salvo i tifosi per i quali il patron spende parole di elogio. “tutti dimostrano scarso attaccamento al vessillo grigiorosso considerando che l'attuale società ha mantenuto in toto gli impegni assunti in conferenza stampa un anno fa. Per questi motivi ritengo sia opportuno che la mia persona non faccia più calcio perchè mal si ritrova a predicare nel deserto. Questa è una società che ha come unico ideale il vile denaro e gli interessi di corporazioni. Voglio solo ringraziare i ragazzi della mia squadra, che hanno abbracciato il progetto societario, convinti di poterlo fortificare e migliorare nel prossimo anno. Ringrazio, inoltre, i collaboratori, l'addetta stampa, la stampa locale e quei pochi irriducibili sostenitori che ci hanno supportato e seguito fin dall'anno scorso. A tutti va il mio più caloroso e affettuoso ringraziamento per quanto hanno fatto. Auguro loro le migliori fortune.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here