Città di Angri, occasione sciupata

0

ANGRI: Inserra, Tagliamone (85’ De Pascale), Mainardi, Parlato, Ruggiereo, Schettino (62’ Fantini), D’Antonio, Mosca, Belcore, Falcone, Montella. A disp. Russolillo, Vertolomo, Landi, Del Sorbo, Urna. All. De Virgilio

DUE PRINCIPATI: Apicella, Coppola (6’ D’Amico), D’Auria, Fusco (77’ Pannicelli), Franza, Falcini, Capuano, Liguori, Mainenti, Di Giacomo (57’ De Crescenzo), De Simone. A disp: Senatore, Attianese, Carbone, Bochicchio. All. Messina

-Ads-

Arb: Campana di Seregno

Angoli 6 a 4 per Angri Amm. Montella (A), D’Amico, Fusco, Capuano (D)

Per il Città di Angri (nella foto con il main sponsor PetrolBell dell'imprenditore Bellacosa) le speranze di agguantare la zona play out sono ormai ridotte al lumicino visto che mancano solo cinque giornate al termine del campionato e la classifica non è per niente gratificante. Oltre alla esperienza è venuta a mancare anche la fortuna e la giovane società per la prima volta in eccellenza non è riuscita almeno fino ad oggi a trovare la strada giusta per agguantare quelle soddisfazioni che dopo tanti sacrifici potevano pure arrivare.

Il calendario per la decima di ritorno ha messo di fronte le ultime due in classifica e solo una vittoria poteva consentire alla Città di Angri di coltivare ancora qualche speranza; per l’occasione la lega ha provveduto a mandare il direttore di gara nientemeno dalla lontana Lombardia.

Ma finisce senza vincitori né vinti il derby del riscatto al comunale di Angri contro il Due Principati facendo così sfumare l’opportunità per entrambe le formazioni di potersi avvicinare alla terz’ultima e sperare nella buona sorte per agganciare almeno i play out.

Una impresa che sarà durissima a meno che non si faccia virtù delle esperienze acquisite nel corso del campionato e si dia una sterzata decisa all’atteggiamento tenuto fino alla decima giornata di ritorno.

La gara almeno per i primi quarantacinque minuti non è stata bella, mentre solo il forte vento ha creato delle emozioni per una occasione da rete che Inserra ha dovuto deviare in angolo. Il Due Principati si è presentato al Novi con un 4-3-2-1 quindi tutta arroccata a centro campo lasciando il solo Mainenti tra i difensori avversari a danno del taccuino che risulta scarso di grosse note.

L’Angri ha opposto il classico 4-4-2 ma ha sofferto molto l’atteggiamento tattico dell’avversario non riuscendo a imbastire specie nel primo tempo azioni pericolose sotto la porta avversaria. Il Due Principati invece tenta il colpaccio e al secondo minuto si registra una punizione di Capuano sparata tra le braccia di Inserra. All’11’ D’Auria varca la propria metà campo e dalla lunga distanza lascia partire un cross senza grosse pretese ma il vento devia il pallone tanto che Inserra con un popderoso colpo di reni deve rifugiarsi in angolo. Insiste il Due Principati e al 29’ una punizione dalla tre quarti di Liguori risulta di normale amministrazione per l’estremo angrese Inserra. Al 32’ l’Angri si affaccia dalle parti di Apicella, punizione a sorpresa di Falcone per D’Antonio ma il passaggio risulta troppo lungo. Nulla più per il primo tempo mentre alla ripresa l’Angri sembra più pimpante e decisamente prende il pallino del gioco.

Al 48’ Montella non è messo in condizione ottimali per stringere verso Apicella e al 51’ Belcore lancia per D’Antonio ma il passaggio risulta fuori dalla portata del numero sette angrese e sfuma una grossa opportunità. Insiste l’Angri che ora sembra padrona del campo e al 63’ Belcore preferisce passare a un compagno anziché tirare di prima. Al 73’ occasionissima per Montella che parte in velocità in contropiede, semina tutti ma a tu per tu con Apicella si vede anticipare da un difensore che manda in angolo salvando la propria porta da una punizione certa.

Al 77’ Belcore riceve un buon suggerimento da Tagliamone ma conclude tra le braccia di Apicella. All’82’ si potrebbe sfruttare una punizione dal vertice sinistro dell’area ospita, alla battuta Falcone che non riesce a servire alcun compagno per l’anticipo di D’Amico. All’84’ l’ennesima azione da rete da parte angrese, Falcone batte dalla bandierina l’ultimo della lunga serie di angoli, Belcore si avventa sulla palla e per ben due volte il Due Principati si salva sulla linea di porta. A nulla vale il pressing finale degli uomini di De Virgilio che vorrebbero una vittoria scaccia crisi ma la porta appare stregata e la palla non vuole proprio saperne di entrare. Vincenzo Vaccaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here