Scoppa replica al Pd sulla vicenda Soget

0

In risposta al comunicato diramato dalla segretaria PD Giordano Antonietta, si rendono necessari ulteriori chiarimenti. Ripetiamo che il costo del contenzioso è solo a carico del concessionario (SO.g.E.T. S.p.a.). Rassicuriamo i cittadini, ancora una volta, che anche le spese relative alla difesa dinanzi al T.A.R. verranno ribaltate al concessionario. Ancora una volta alcuni politici si comportano in maniera irresponsabile cercando di creare confusione tra i contribuenti e dissenso verso l’ amministrazione. Si specifica inoltre che il contenzioso è qualcosa di inevitabile e previsto, con qualsiasi metodo si fosse proceduto all’accertamento, considerati gli elevati importi. Ci piacerebbe poi verificare l’ingiustizia di ciascun atto ricevuto dal segretario PD Antonietta Giordano, per appurarne anche noi, come amministrazione, la rilevanza e porre i dovuti correttivi. Da professionista, non me ne voglia la segretaria PD, posso semplicemente dire che, laddove ci sono interpretazioni diverse tra l’ente impositore (che applica solo ed esclusivamente il regolamento comunale e la normativa T.A.R.S.U.) ed il contribuente, circa la fattispecie oggetto del contendere, legate a lacune legislative o ad altri fatti, a stabilire da che parte sta la ragione può essere soltanto il giudice, nel caso specifico, quello tributario. La ragione dunque nei casi dubbi, e non su quelli scontati per i quali gli uffici sono a completa disposizione del contribuente, si fa valere in giudizio. Ma purtroppo si fa anche su questo scellerato populismo. Entrando poi nel merito dell’ingiustizia legata al pagamento della T.A.R.S.U., una volta per tutte, evitiamo le banalità. Infatti anche se teoricamente non è giusto pagare sui metri quadri, ad Angri, benché paghiamo sui mq appunto, la tariffa, cioè l’importo a metro quadro, è molto ma molto inferiore rispetto ai nostri cugini dell’agro (che offrono un pessimo servizio, basta vedere i cumuli di immondizia per strada) e rispetto anche ad altri comuni più lontani continuamente osannati, si pensi a Mercato San Severino ad esempio (ma purtroppo siamo amanti dei forestieri). Anche i comuni che applicano la TARSU normalizzata o addirittura la T.I.A., pagano tariffe elevatissime e comunque, ad oggi, anche se ci si volesse pensare a questi tipi di imposizione, sarebbe avventato, infatti dal 01/01/2013 andrà in vigore il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi che è già molto ma molto disciplinato dall’articolo 14 del D.L. 06/12/2011 n°201 lasciando poco margine alla regolamentazione dei comuni. Ma se permette la Giordano, siamo noi a decidere sulle cose da fare, nessun’altro. Per quanto riguarda il comunicato diramato da S.E.L., stendo un velo pietoso. In ogni caso il precedente comunicato era volto a dare alcuni piccoli consigli alla cittadinanza, ma purtroppo, si ci imbatte sempre e solo in inutili polemiche.

-Ads-

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here