Cosimo Ferraioli: “l’assessore Sorrentino smentisce se stesso”

0

Riceviamo e pubblichiamo – "…Importante è anche il discorso relativo all’esternalizzazione dei tributi. Alcuni mesi fa, l’amministrazione portò in Consiglio Comunale la volontà di dare in gestione ad una società privata la riscossione dei tributi. Su questo provvedimento si è spaccata la maggioranza in un fronte che faceva capo al sindaco ed in uno che faceva capo al vicesindaco. Ufficialmente il vicesindaco suggeriva di provare a gestire il servizio all’interno del comune per sei mesi e poi eventualmente procedere all’esternalizzazione, che il sindaco invece voleva realizzare subito. Voci di corridoio dicono che la vera questione è nata dalle divergenze tra sindaco e vicesindaco che volevano affidare la gestione dei tributi ognuno ad una società loro vicina. Noi ci siamo dichiarati contrari perché, qualora passasse questa proposta, si avrebbe un ulteriore aggravio di spese. Infatti, l’operazione è particolarmente redditizia, in quanto la società che gestirebbe i tributi ricaverebbe come compenso circa il 28% dell’introito complessivo da incassare, e si andrebbe a gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini. A questo punto sorge spontaneo l’interrogativo: chi si vuole mettere al centro dell’azione amministrativa, il cittadino o gli interessi personali di pochi? Evidentemente questa amministrazione preferisce privilegiare solo determinati cittadini …"

Sono perfettamente d’accordo con l’autore di questa dichiarazione; sono, invece, curioso di sapere se lui è ancora d’accordo con se stesso, visto che nel passaggio da consigliere d’opposizione ad Assessore al Bilancio ha fatto una giravolta di 360 gradi. Infatti, vi sembrerà impossibile, ma le affermazioni sopra riportate sono uno stralcio di una lunga intervista rilasciata dall’Assessore Giacomo Sorrentino a Giuseppe Vitiello e pubblicata su ANGRI ’80 nel novembre del 2008, con il seguente titolo: “Il Comune rischia il fallimento”. Com’ è strana la vita…

-Ads-

Dunque Assessore: nel 2008 sapevi chi (tra cittadino ed interessi di pochi) era stato messo al centro dell’azione amministrativa, scegliendo l’esternalizzazione; nel 2011 dovresti dare la stessa risposta oppure ritieni che le opinioni possano legittimamente cambiare col cambiare della sedia su cui si è seduti?

Oltretutto, tu almeno avesti la possibilità di discuterne preventivamente in consiglio comunale, a noi avete negato anche questo e quindi, ora ti chiedo pubblicamente di conoscere quali sono stati i motivi che ti hanno indotto a rivedere le posizioni in merito, visto che proprio tu (i casi della vita) sei stato il proponente della deliberazione di Giunta Comunale che ha dato inizio a tutta la procedura di esternalizzazione? Come mai il servizio è stato affidato proprio alla SOGET? Chi ha stabilito l’aggio da dare alla società, un aggio di poco inferiore a quello che tanto ti preoccupava tre anni fa?

Ad onor del vero, il Sindaco ha già dato qualche strabiliante risposta; infatti, in merito al compenso dovuto alla società, nel consiglio comunale del 30 novembre 2011, ha chiarito che: … prima di decidere la percentuale è stata fatta una ricerca di mercato dalla quale è venuto fuori che la media delle percentuali di compenso per tali attività, è del 30%. Ma, da quando, da chi e con quale norma è stato stabilito che in Europa ed in Italia gli aggi possono essere legittimamente determinati a seguito di una ricerca di mercato?

Dobbiamo anche ritenerci fortunati e ringraziare l’Amministrazione per aver convinto la SOGET ad accettare solo il 25%? “Sinistra Ecologia Libertà” nei giorni scorsi ha segnalato che il Comune di Cava de’ Tirreni ha appaltato un servizio analogo e che, a seguito di regolare gara, è stato aggiudicato proprio alla SOGET che aveva offerto un aggio del 13,80%, inferiore di oltre undici punti a quello concordato con la nostra efficientissima Amministrazione. Grazie Sindaco e speriamo che, in futuro, di queste fortune non ce ne farai capitare più.   Cosimo Ferraioli Capogruppo consiliare PD-Centrosinistra

P. S. : Sento il dovere di far notare al Sindaco che si lamenta della nostra incalzante opposizione, ma sempre basata su fatti inoppugnabili, come i suoi colleghi, appena qualche anno fa, contestassero, invece, la maggioranza sulla base di supposizioni e …voci di corridoio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here