Fermi tutti, all’orizzonte c’è lo sfascio…

0

Voglio trovare un senso a certe cose anche se certe cose un senso non ce l’hanno. Parafrasando Vasco prendo spunto per fare alcune valutazioni sullo stato di crisi che sta tormentando la nostra comunità che vive un periodo singolare, atipico, strano e non mi riferisco esclusivamente alle attività di governo.

Una riflessione figlia dell’ennesimo documento che sancisce l’ennesima spaccatura tra elementi della medesima compagine politica. Tutti contro tutti, o almeno lontano da tutti… questo emerge da contatti personali, da note inviate da esponenti politici di maggioranza e di opposizione. Un clima avvelenato e sterile. Combattivo ma improduttivo.

-Ads-

Quo vadis Angri? Legittime le divergenze, giustificate le critiche, normale dibattere, ma consentitemi di etichettare come insensato ciò che sta avvenendo in questa fase nella nostra città. Pdl spaccato, maggioranza sfilacciata, Pd logorato.

Politici designati dal voto del popolo come oppositori costruttivi che si ritrovano a fare da ago della bilancia tenendo attaccato al respiratore una maggioranza che da blindata si ritrova ad essere sfasciata.

Consiglieri che professano fedeltà al sindaco nel civico consesso e la mattina seguente vomitano fatti e pettegolezzi al primo caffè ai banconi del bar, tra storie di casseforti violate, inciuci personali e atti discutibili. Gente di destra che viaggia a sinistra e persone di sinistra che strizzano l’occhio alla destra.

Dinosauri della politica che tentano ancora di muovere i fili gestendo i rampolli eletti con tanti voti ma con poche idee. Polemiche sterili su questioni inutili solo in nome del vecchio spirito di contraddizione.

Decisioni partorite e alimentate solo per il bene del singolo in barba agli interessi della comunità. Voglio capire…fatemi capire per cortesia! Quando finirà questa farsa? Quando smetteremo di giocare??? Non è tempo di trastullarsi. C’è larga parte degli angresi che stenta ad arrivare a metà mese, i giovani emigrano verso altri lidi e gli anziani rischiano di non sentirsi parte integrante del tessuto sociale.

Per favore fermiamoci tutti!!! Quel “bene per la città” tanto professato è divenuto uno slogan vecchio al quale pochi si attaccano. Ciascuno sembra vivere in un mondo suo, ognuno governatore di se stesso in una comunità apatica che si trascina stancamente verso un destino segnato. Fermatevi tutti!!!

Tutti responsabili del declino sociale che sta investendo la nostra città. Politici, imprenditori, professionisti, giornalisti, commercianti, studenti, artigiani, giovani e anziani. Ciascuno sta assistendo allo sfascio sociale senza muovere un dito, senza dare impulso per compiere l’ultimo tentativo. Ciascuno nemico giurato dell’altro.

Basta girarsi intorno, camminare per le strade che furono dei Doria, estraniarsi dal contesto e percepire quella sensazione gelida e disarmante che ti afferra, ti stringe la gola, blocca il battito del cuore e anestetizza la mente.

Angri è degli angresi, quelli litigiosi, arroganti, invidiosi, banali e accidiosi che prediligono coltivare il proprio orto e non si accorgono di sprofondare insieme alla città. Il paese delle menti pensanti e dei cuori che amano si può salvare… Fermatevi tutti! Cambiamo rotta!    Luigi D'Antuono

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here