Consiglieri di maggioranza: “intaccati centri di potere”

0

All'indomani della nascita del nuovo soggetto consiliare e della pubblicazione di alcuni audaci comunicati, sentiamo viva l'esigenza di esprimere a voce alta la nostra ancora più forte fiducia nei confronti del Sindaco Mauri.

Precisiamo che se si volesse rivangare il passato i fatti parlerebbero da soli. I cittadini conoscono approfonditamente gli eventuali interessi che spingono qualcuno ad assumere determinati atteggiamenti.

-Ads-

Lo spirito di questa granitica maggioranza era ed è, almeno per i tre quarti di essa, lo spirito del cambiamento, possibile grazie al sodalizio tra un uomo con indiscussa esperienza e caparbietà e giovani che conoscono i problemi del territorio, capaci di sopportare anche pesanti carichi di lavoro e soprattutto lontani dalle logiche che hanno animato la politica del passato. Le logiche cioè della spartizione nella sua forma più bieca.

I frutti della politica come da noi intesa si stanno cominciando a vedere, sia in termini di idee che in termini di risultati tangibili e opere realizzate. Una coalizione seria sa bene tra l'altro che per raggiungere gli obiettivi programmatici è fondamentale intaccare alcuni centri di potere consolidati. Eravamo e siamo a conoscenza delle conseguenze di determinate scelte che avrebbero prodotto su alcuni un effetto domino.

Quegli stessi che poi con una scusa o con un'altra cercano comunque di rimanere a galla. Perché è chiaro, cambiare totalmente, di certo in meglio, la gestione dei servizi sociali, non preservare le cariche rivestite in passate amministrazioni, sostituire il segretario comunale o il comandante dei vigili (ovviamente nulla di personale) sono tutti atti di gestione che, soprattutto per chi è abituato a fare il salto con l'asta da un banco all'altro del pubblico consesso, danno il La per cominciare a dissentire.

Altro che autocrazia: il Sindaco Mauri convoca periodicamente con atti scritti i consiglieri di maggioranza ogni volta che si parla di punti di ampia portata politica, come il PUC, il Piano Casa e l'emergenza rifiuti.

A tali convocazioni, da circa otto mesi, sono completamente assenti Conte e gli altri tre consiglieri del gruppo Indipendenti per Angri. A questo punto ci viene da dire "indipendenti da se stessi". A quale delle riunioni quindi avrebbe partecipato Conte per poter poi apostrofare il Sindaco in maniera così offensiva?

La verità è che a costoro non va bene una politica pulita e trasparente, praticata senza doppi fini, ma solo nell'interesse generale. Vedremo cosa riuscirà il nuovo gruppo “indipendente” a elaborare in Consiglio Comunale in termini di proposte per la città e stimoli per il cambiamento. Poi saranno i cittadini a giudicare. D'Auria Domenico, De Simone Marco, Galasso Giuseppe, Grimaldi Vincenzo, Manzo Bonaventura, Milo Alberto, Russo Pasquale, Scoppa Alfonso, Selvino Daniele.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here