Salviamola! Adesione anche dal Belgio, ma serve l’aiuto di tutti gli angresi!

0

Salvare l’US Angri 1927 è diventata un’impresa difficile ma non impossibile. La sottoscrizione ha incassato l’adesione di quattro esponenti politici (il sindaco Mauri e i consiglieri Arturo Sorrentino, Alfonso Scoppa e Cosimo Ferraioli) e di ex dirigenti del sodalizio grigiorosso.

Quella che solo poche ore addietro era ritenuta un’utopia ora sta cominciando a prendere forma e per iscrivere l’Angri al campionato di serie D serve ancora un ulteriore sforzo da parte di tutti, anche di singoli cittadini.

-Ads-

Non occorre versare grosse cifre, ma anche contributi piccoli, modesti. Ogni goccia servirà a formare l’oceano grigiorosso. E intanto, la mobilitazione sta interessando anche qualche angrese fuori dalla città.

Nella mattinata sono arrivate conferme di adesione da un angrese che da anni vive nella provincia di Liegi in Belgio che ha destinato cento euro per l’iscrizione dei grigiorossi. Servono piccole cifre e l’impegno di ogni singolo.

Siamo sorpresi dall’indifferenza di alcune compagini politiche (popolo delle libertà e liste civiche, su tutti) contribuire alla salvezza dell’Angri non rappresenta un obbligo, ma il senso di appartenenza, spesso invocato, ci spinge ad esortare tutte le forze politiche presenti sul territorio a fare un piccolissimo sacrificio economico.

Ci aspettiamo l’impegno degli assessori, in primis colui con la delega allo sport, e di qualche imprenditore che sul territorio opera da anni e già nelle stagioni passate non ha fatto mancare il proprio apporto. Non è una questione prettamente calcistica ma la dimostrazione di senso di appartenenza al nostro territorio.

Associazioni di categoria, commercianti, imprenditori, operatori dell’informazione, ma soprattutto singoli cittadini che hanno a cuore le sorti della compagine calcistica. Basta una piccola somma…Salviamola!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here