L’US Angri 1927 scompare e le istituzioni che fanno???

0

L’US Angri 1927 è ad un passo dalla scomparsa tra l’indifferenza delle istituzioni cittadine rimaste distaccate dinanzi alla lenta agonia del cavallino rampante che dopo 84 anni di storia rischia di scomparire dalla geografia del calcio dilettantistico.

Sindaco, giunta, consiglieri comunali e assessori provinciali non hanno mosso un passo per informarsi e tentare di risolvere l’ennesima crisi che potrebbe sancire la fine del calcio angrese.

-Ads-

L’indifferenza della classe politica angrese è in contro tendenza con quanto avviene ed è avvenuto nelle città limitrofe. Nella vicina Pagani, il consigliere provinciale Massimo D’Onofrio, si è prodigato per trovare dei soci al presidente Trapani contribuendo all’iscrizione della Paganese al campionato di serie C2.

Nella città di Cava de’ Tirreni, il primo cittadino si è fatto promotore di una raccolta di fondi che ha interessato esclusivamente i personaggi politici della città dei portici. Una raccolta di denaro che ha consentito alla Cavese di essere iscritta al torneo di Seconda Divisione.

Non vogliamo scomodare il fenomeno De Luca a Salerno e ricordare cosa ha fatto nel finale di stagione per la Salernitana. La classe politica salernitana in questo momento difficile si è rimboccata le maniche e si è assunta l’onere di garantire l’iscrizione alle compagini cittadine.

Ad Angri tutto questo non avviene, perché??? Il sindaco angrese continua nella discutibile politica di isolare il paese dalle altre istituzioni, prosegue nei suoi inutili litigi con negozianti, imprenditori, giornalisti e quanti non sono allineati al suo pensiero. Angri ora ha bisogno di uno scatto d’orgoglio per assicurare alla squadra di calcio la partecipazione al campionato di serie D.

Occorrono ventimila euro per l’iscrizione e una fidejussione di 31mila euro, possibile mai che una città di 32mila anime e con ben nove istituti bancari operanti sul territorio non sia in grado di raccogliere la somma che occorre per l’iscrizione???

Bisogna ricordare che Angri ha eletto anche due consiglieri provinciali (Pasquale Mauri e Fausto Postiglione) e annovera nella Giunta Cirielli, un assessore provinciale, Antonio Squillante.

L’US Angri 1927 è un patrimonio della città, di quella stessa città che molti politici dicono di voler bene…dopo la pessima figura fatta con la questione rifiuti la nostra classe dirigente ha l’opportunità di un pronto riscatto.

La squadra grigiorossa, nonostante tutto, è ancora fonte di aggregazione sociale in una comunità che si sta spegnendo lentamente…  luigi d'antuono

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here