Trasporto negato ai disabili, Russo: “garantiremo il servizio”

0

Da pochi giorni sono stati consegnati alle famiglie i vaucher per il servizio di trasporto dei ragazzi diversamente abili. La nuova modalitá di erogazione del servizio ha sollevato polemiche. Il sistema, a dire delle famiglie interessate, comporta problemi per il trasporto nei centri polifunzionali non ubicati in cittá. 

«Il trasporto per i disabili – spiega l’assessore Anna Maria Russo – è partito per tutti i ragazzi del territorio angrese che si recano in centri e negli istituti scolastici. La nuova procedura è in corso di adeguamento. In qualitá di assessore alle politiche sociali posso assicurare che garantiremo il servizio».

Il nodo è costituito dal fatto che alcuni genitori hanno affermato che le coop non effettuano il servizio fuori dal proprio territorio. Per questo ieri sono state convocate presso il Piano di zona per tentare di chiarire la situazione.

Probabilmente si procederá raggruppando e dividendo gli utenti per i vari centri. Pare che, ad oggi, la nuova modalitá di erogazione del servizio non consenta alle coop né possibilitá di guadagno né di coprire i costi. I rappresentanti dei genitori dei diversamente abili si stanno battendo per la tutela e la salvaguardia dei diritti dei figli. Dal primo aprile il servizio è stato garantito grazie all’attivitá di Rolando Sinopoli del Castello.

«I vaucher oggi sono utilizzati solo da chi utilizza il trasporto interno, -dichiara Enrico Apuzzo, presidente di "La Nostra Famiglia"- Per chi si reca fuori ambito restano inutilizzati. I vaucher per il servizio di trasporto possono essere dati solo a una delle quattro cooperative accreditate, che attualmente non ce la fanno a svolgere il servizio fuori dal proprio territorio».   Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here