Doria Festival, insorgono le opposizioni

0

Doria Festival: il Comune è pronto a spendere 60mila euro. E’ quanto si apprende dalla lettura della delibera di giunta n. 54 del 24 febbraio. L’amministrazione Mauri è intenzionata a replicare la kermesse che dovrebbe svolgersi per quattro mesi, dal primo maggio al trenta settembre. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’assessorato alla cultura ed allo spettacolo guidato da Giuseppe Mascolo.

Nel suo complesso l’evento costerá però 130mila euro, sebbene la maggior parte dei fondi dovranno essere messi a disposizione da Palazzo di Cittá. Dovrebbero contribuire altri due Enti: la Provincia con 40mila euro e la Regione con 30mila. Occorrerá in ogni caso verificare se finanzieranno l’iniziativa. Il Doria Festival dovrebbe coprire tutto il periodo estivo.

-Ads-

Le iniziative in cartellone riguarderanno diverse attivitá: teatro, musica, cinema ed arti visive e dovrebbero svilupparsi sull’intero territorio cittadino. Dall’allegato alla delibera sono anche riportati i nomi degli artisti che secondo la proposta dell’assessorato al ramo dovrebbero intervenire: Leopoldo Mastelloni, Peppino di Capri, Giuliana De Sio, Sal Da Vinci, Alessandro Gassman.

E’ scritto nell’atto che «il progetto tende ad una riconferma dell’indirizzo che punta sulla tradizione e sul rinnovamento giá realizzato con la prima edizione del festival che ha ottenuto un lusinghiero successo». Tutti gli adempimenti necessari allo svolgimento dei vari eventi inseriti nella manifestazione saranno oggetto di successivi atti dirigenziali a carico del responsabile U.O.C. promozione socio culturale. L’amministrazione punterebbe sull’intrattenimento estivo.

Le esibizioni artistiche potrebbero avere nuovamente come scenario di riferimento il castello Doria, la villa comunale e i cortili del centro storico. Previste iniziative anche in piazza Annunziata e nel rione della 167 che, grazie ai loro spazi, possono accogliere numerosi spettatori.

La delibera di giunta non poteva lasciare indifferenti le opposizioni cittadine, per le quali è preoccupante spendere tante risorse e molto tempo per questi eventi.

In particolare l’assessore provinciale Antonio Squillante, interviene in qualitá di capogruppo consiliare del Pdl, anche riguardo alla possibilitá di un contributo da parte della Provincia.

«Per il progetto della seconda edizione del Doria festival hanno chiesto contributi alla Regione, alla Provincia e ad altri enti. Giá in precedenza avevano chiesto contributi a vari enti, ma gli unici fondi sui quali hanno potuto contare sono stati soltanto i soldi dei cittadini angresi.

Mi auguro, quindi, che questa volta il progetto sia più interessante. Invito il primo cittadino ad essere più prudente, a non prendere in giro i cittadini, e soprattutto a non sprecare denaro».

Il capogruppo del Pd: «Mi incuriosisce l’abilitá – afferma Cosimo Ferraioli – con la quale l’amministrazione programma le feste. Per i problemi seri del paese non c’è una tale cura».   Pippo Della Corte – Maria Paola Iovino (fonte: lacittà)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here