300 metri di discarica…ma a chi tocca rimuoverla?

8

Comunicato stampa Avanguardia Angri –  Cari cittadini dell'Agro, come ben sappiamo le periferie estreme delle nostre città da sempre sono considerati dei “non luogo”, dove molte volte l'illegalità regna sulla legalità. Se affianco a questa affermazione aggiungiamo che molte volte i confini dei nostri comuni non sono ben delineati, questi non luoghi diventano la scusante per il più becero comportamento da parte di persone incivili: il deposito non autorizzato dei rifiuti.

Un esempio che racchiude le due fattispecie poste in essere è il tratto di strada della Provinciale 185 che costeggia il muro di cinta del depuratore che insiste sui comuni di Angri, Sant'Egidio e San Marzano. Questo tratto di strada, nato proprio dalla costruzione del depuratore, simbolo di una possibilità di rinascita per uno dei fiumi più importanti della nostra zona (ma anche più inquinato al mondo), è oggi interessato da una vera e propria discarica di tutti i tipi di rifiuti.

-Ads-

Da una sola analisi ad occhio nudo abbiamo trovato decine di ruote di tutte le dimensioni, frigoriferi ed altri elettrodomestici per la casa ma anche e soprattutto materiali pericolosi per la salute umana quali amianto, e fusti di non si sa cosa.

Ciò che ci ha sorpreso (ma non tanto) è che questi rifiuti giacciono in pratica lì da molto tempo (se si vede una delle foto si notano dei barattoli ormai arrugginiti), e nonostante una segnalazione durante l'emergenza rifiuti in Campania, NESSUNO si è prodigato di intervenire.

Oggi rendendo pubblico questo stato di cose, cerchiamo di porre rimedio alla situazione che ormai è diventata insostenibile con i rifiuti che ogni giorno di più invadono la sede stradale. Sperando in un rapido intervento delle istituzioni che sono di competenza sul tratto incriminato (il Comune di San Marzano, il Comune di Sant'Egidio del Monte Albino e la Provincia di Salerno), per la rimozione con le giuste precauzioni dei rifiuti con l'aiuto che noi riteniamo indispensabile da parte dell'ARPAC, preghiamo i cittadini di tutti i comuni a non sbarazzarsi dei rifiuti in modo illegale, ricordando che in molte città dell'Agro è attivo il servizio di ritiro dei rifiuti voluminosi.

Siamo sicuri di una positiva risposta da parte delle istituzioni e dei cittadini perché solo così potremmo combattere il degrado e l'amoralità crescente e impegnarci per una terra più pulita per noi, ma soprattutto per coloro che la abiteranno dopo di noi. Avanguardia Angri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here