Beve alcool per riscaldarsi, bulgaro in fin di vita

0

Per riscaldarsi si era rdiotto a bere alcool etilico, alimentandosi di quello che trovava e dormendo per cinquanta giorni in un'auto abbandonata in via Pontoni. Poteva avere ben più serie conseguenze la vicenda che riguarda un 31enne bulgaro, soccorso ieri dal 118 e trasferito, per le cure mediche, presso l'ospedale Mauro Scarlato di Scafati.

Privo di documenti di riconoscimento, Antony, di origini bulgare e nell'Agro da alcuni anni, viveva da solo senza una fissa dimora, dopo aver abbandonato l'abitazione della madre, una badante che lavora presso una famiglia della zona e di cui sinora non si conoscono le generalità e la residenza.

-Ads-

A salvare la vita al 31enne la segnalazione dei due cugini Francesco e Carlo Ferrara, residenti a Bagni, che nei giorni scorsi avevano notato gli atteggiamenti strani del giovane che si aggirava nella strada di campagna che collega via Nazionale con il centro cittadino. Era nata una solidarietà indiretta con Francesco che per alcuni giorni gli aveva portato del cibo e successivamente con l'intervento dell'altro cugino Carlo.

Secondo il racconto fatto ai medici ed infermieri del reparto di medicina dell'ospedale scafatese, l'uomo dormiva da ormai cinquanta giorni circa all'interno dell'angusto abitacolo dell'auto abbandonata, una Y10 depositata in quella strada, senza poter chiedere aiuto.

Sembra che il 31enne seppur notato da alcune famiglie della zona non abbia ricevuto alcun soccorso. Secondo la ricostruzione effettuata in lacrime e con alcune difficoltà linguistiche, il giovane che aveva perso un lavoro alcuni mesi fa si era dato all'alcool, avendo poi dato fondo agli ultimi risparmi per alimentarsi, dopo aver abbandonato l'abitazione che condivideva con la madre, badante presso una famiglia della zona, era stato costretto a trovarsi quell'alloggio di fortuna.

Ma il freddo di questi giorni poteva risultargli fatale se non fossero intervenuti i due cugini per soccorrerlo. Allertati anche i servizi sociali di Angri che si sono resi disponibili ad individuare un alloggio temporaneo per il giovane bulgaro, non appena sarà possibile conoscere le condizioni di salute dell'uomo e dopo le dimissioni dal reparto ospedaliero.  agostino ingenito

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here