Ztl, Mauri pensa a un referendum

4

Dopo tre mesi dall’ordinanza istitutiva di una zona a traffico limitato in via Amendola ed in via Incoronati, i commercianti esprimono ancora il proprio dissenso. Da ultimo è stato inviata una nota per evidenziare le problematiche create dall’ormai nota zona a traffico limitato al Sindaco di Angri Pasquale Mauri, al Consiglio Comunale, ad Aldo Severino, Presidente di Confesercenti Angri, e ad Alberto Calò, Presidente di Confcommercio Angri.

Tuttavia è proprio il primo cittadino, disponibile a aperto al confronto e alla collaborazione con i commercianti così come è stato evidenziato anche dai Presidenti delle associazioni di categoria, che rettifica dichiarando, “se si afferma che i commercianti sono sul piede di guerra si afferma il falso.” Così il Sindaco di Angri etichetta un’ormai lunga polemica. Secondo il primo cittadino è sbagliato fare di tutta un erba un fascio, ovvero sono pochi, a suo dire tre, i commercianti con i quali non si riesce a trovare una giusta sintesi. “Lo scorso fine settimana sono stata a via Amendola perché sono stati organizzati degli spettacoli, – spiega Pasquale Mauri – e mi sono intrattenuto con tantissimi concittadini che hanno partecipato alla festa del borgo.

-Ads-

Posso garantire che la maggior parte dei cittadini residenti in via Amendola ed in via Incoronati mi hanno comunicato che vogliono la zona a traffico limitato per ventiquattro ore.” Il Sindaco di Angri in considerazione di queste richieste pervenute ha deciso pertanto di fare un referendum in quella zona per rendere vigente la zona a traffico limitato per ventiquattro ore, ovviamente soltanto se verrà constatato che è questo quello che vuole la maggior parte della popolazione. L’istituzione della zona a traffico limitato di cui si tratta, inoltre, era presente nel programma elettorale presentato ai cittadini alle ultime competizioni amministrative.

Più volte, quindi, prima e dopo che le urne hanno decretato la sua vittoria, Pasquale Mauri, ed il suo entourage, hanno evidenziato che gli studi di settore presentano un calo delle vendite immediatamente dopo l’istituzione di una zona a traffico limitato, per poi vederle decollare a livelli più alti. A tal proposito, così continua Mauri, “il commercio appare già maggiormente in salute, infatti proprio questo fine settimana ho constatato che tanta gente era nei negozi.

Tuttavia è chiaro che chi non è competitivo e chi non è al passo con i tempi, non può incolpare il Sindaco e la zona a traffico limitato.” Inoltre Mauri precisa che, così come ha fatto in questi mesi, è disponibile a continuare ad ascoltare richieste, proposte e anche rivendicazioni ma allo stesso tempo sottolinea che il suo impegno quotidiano attualmente è pensare al bene complessivo di Angri, della sua comunità ed al suo bisogno generale di crescere e di mettersi in linea, e non restare indietro alle altre realtà territoriali. Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here