Abusi edilizi, immobili sequestrati

0

Francesco Rossi – Controlli a tappeto dei vigili urbani per stanare il fenomeno dell'abusivismo edilizio ad Angri: sequestrati dieci immobili nella zona periferica. La squadra di vigilanza urbanistica composta dall'agente Sandra Apicella e dal geometra Giuseppe Moscariello coordinati dal capitano Tommaso Paolillo, su disposizione del comandante dei caschi bianchi Rosario Cascone, nell'ultimo mese ha espletato 30 accertamenti con 10 ulteriori sequestri che si aggiungono agli oltre 100 sinora messi a segno. In via Casalanario sono stati denunciati nuovamente i proprietari di due costruzioni abusive già sequestrate per violazione dei sigilli. Inoltre si era apportato alla costruzione un ampliamento di circa 28 metri quadri.

In via Paludicella un garage era stato trasformato in un'abitazione. Ed alla via Nazionale, su un appezzamento di terreno di alcune centinaia di metri quadri, erano in corso lavori di cambio di destinazione d'uso di un suolo agricolo per trasformarlo in parcheggio. Per il riempimento del suolo stavano utilizzando materiale di risulta edile, trasformandolo in una discarica, e sullo stesso lotto era sorto un manufatto di 58 mq. In via Stabia, era stato realizzato un fabbricato di 62 mq, ricadente in un suolo che col cambio di destinazione d'uso si pensava di utilizzare come area di esposizione di auto.

Ancora, sequestrata in via Satriano una villa per vari abusi edilizi (dall'ampliamento alla nuova costruzione, dalla cementificazione dell'area esterna alla realizzazione di box e depositi) per complessivi 250 metri quadri di nuova costruzione, oltre ad un box interrato di 100 mq. Stanati in via Dei Goti l'ampliamento ad un fabbricato per una maggiore superficie di circa mq 100, una tettoia di mq 25, un deposito interrato di mq 100, il cambio di destinazione d'uso del deposito agricolo in abitazione per una superficie di mq 160 ed un'enorme struttura (270 metri quadri) adibita a stalla.

Sempre a via Dei Goti, era spuntato un fabbricato rurale in assenza di permesso di costruire, mascherato da un'estesa quantità di serre agricole, per una superficie di mq 80 oltre ad un piccolo casotto esterno di mq 8. E sono iniziati i controlli anche presso le proprietà comunali condotte in fitto dai coloni in via Campia.

Nell'arco di una settimana, si sono riscontrati due fabbricati abusivi da parte degli stessi coloni sul suolo comunale, il primo (un baraccone in lamiera) avente una superficie di mq 60, il secondo una fabbricato per civile abitazione di mq 50 oltre ad una tettoia di mq 20. Oltre alle attività svolte dalla squadra di vigilanza urbanistica, i nuovi tecnici in forza all'ufficio urbanistica hanno svolto attività di controllo del territorio per il Progetto Mistrals della Regione Campania, denunciando nell'ultimo mese tre fabbricati abusivi tutti realizzati in via Orta Longa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here