US Angri, Battipaglia nuovo direttore generale

0

Unione Sportiva Angri 1927 Gli acquisti di Rosario Majella e Alfonso Ferraioli hanno generato entusiasmo e creato un clima surreale nella cittadina doriana che all’indomani della notizia dell’arrivo del bomber più prolifico della storia grigiorossa si è svegliata travolta da un entusiasmo contagioso. La campagna acquisti operata dal presidente Nicola Varone ha acceso l’interesse verso la squadra di calcio cittadina.

Con un nugolo di esperti di ottima caratura e una batteria di under sui quali la società pone ottime speranze, l’Angri ha scalato posizioni nella griglia pre-campionato. Intanto, il lavoro del presidente Varone continua anche sul fronte dirigenziale. In mattinata la società del cavallino rampante ha trovato l’accordo con Mimmo Battipaglia che tornerà a rivestire, a distanza di due anni, il ruolo di direttore generale.

La notizia del ritorno dell’ex diggì, che fece parte della storica triade che ha segnato la storia dell’Angri, era già nell’aria da qualche settimana e in questi giorni Battipaglia ha lavorato alacremente per chiudere gli accordi con diversi calciatori approdati all’Angri.

Amita, D’Apice, Ferraioli e Majella sono arrivati alla corte del tecnico grigiorosso grazie al lavoro oscuro di Battipaglia che ha saputo smussare gli angoli e trovare l’intesa per costruire una squadra di buona caratura tecnica. “Battipaglia non poteva restare fuori dal nostro progetto – afferma il massimo dirigente Nicola Varone – è una persona squisita che capisce di calcio e ne ha dato dimostrazione con i fatti nel corso degli anni, ho dovuto sudare le proverbiali sette camic per convincerlo, ma alla fine il lungo corteggiamento è andato a buon fine”.

“Sentirsi apprezzato come uomo prima e come dirigente di calcio poi è una cosa che mi lunsinga, avevo deciso di non entrare a far parte della dirigenza dell’Angri, ma le insisitenze del presidente Varone mi hanno letteralmente sfiancato, sono contento di ritornare in un gruppo di persone che hanno a cuore le sorti dell’Angri e lavoravano con la genuiinità che da sempre mi caratterizza. L’Angri è una famglia e in certi casi il collettivo può fare la differenza”.

Il neo dirigente ha già messo a segno colpi importanti pur non figurando nei quadri societari. “E’ vero – afferma Battipaglia – ho messo a disposizione della società le mie conoscenze nel mondo del calcio perché ritengo Varone presidente capace di regalare soddisfazioni alla tifoseria del cavallino rampante”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here