Partito Democratico, tra tesseramento e provvedimenti disciplinari

1

Il Partito Democratico di Angri cercherà attraverso il nuovo tesseramento di intraprendere un nuovo percorso che ha come punto di partenza il buon successo ottenuto nella recente tornata elettorale che ha visto il primo partito di centrosinistra piazzare due esponenti, Cosimo Ferraioli e Lina Recussi, nel parlamentino cittadino.

Il tesseramento e il relativo congresso, che dovrebbero celebrarsi all’inizio di giugno, porteranno ad una nuova stagione politica con la possiblità di garantire equilibrio e visibilità ad ogni componente del partito. La presenza in consiglio comunale e gli ottimi risultati ottenuti da giovani candidati dovrebbero contribuire al rinnovamento del partito guidato in campagna elettorale dalla segretaria Antonietta Giordano.

Il proficuo lavoro prodotto dalla Giordano ha riscosso consenso unanime e non appare remota la possiblità di una conferma alla guida del PD doriano che si sente degnamente rappresentata dalla segretaria uscente. I nuovi tesserati, così come disposto dal regolamento nazionale, non potranno partecipare al congresso locale che assegna il diritto di voto esclusivamente ai 320 tesserati dalla passata stagione.

A prescindere dagli accordi sovracomunali, ad Angri si sono poste le basi per una nuova fase politica che possa superare i personalisimi e le beghe interne che hanno rallentato il processo di radicamento del PD sul territorio nazionale. Nella città doriana si punta a creare un assetto dirigenziale in grado garantire lungimiranza.

Il PD angrese fa sul serio e nell’ultimo direttivo sono stati deferiti al comitato provinciale dei garanti diversi esponenti che si sono schierati con altre coalizioni alle recenti votazioni. Un provvedimento che impedirà agli “ambigui” personaggi di votare al prossimo congresso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here