Raccolti solamente cinquemila euro per Daniela Vitolo

0

Tutti insieme per Daniela. La mobilitazione della città di Angri per la sua sfortunata concittadina, la ventinovenne affetta da un male oscuro (MCS, la "Sensibilità chimica multipla") che la costringe a vivere isolata in una baita di Acerno ed a sostentarsi soltanto di riso, miglio ed uova, inizia a dare i suoi frutti. Ben cinquemila euro sono infatti stati raccolti sul conto corrente bancario del Comune, frutto ad oggi di diciassette donazioni tra privati cittadini, associazioni e benefattori. Una somma, quella ufficializzata sul sito istituzionale del Comune, che necessita di essere incrementata, per poter consentire l'acquisto di un camper attrezzato indispensabile per gli spostamenti della ragazza.

Per consentire ciò, in tutte le manifestazioni promosse dall'Ente sono presenti i volontari del Comitato, per sensibilizzare la cittadinanza sul riconoscimento della MCS come malattia invalidante, e per raccogliere nuove donazioni. Intanto, prosegue senza sosta la ricerca di familiari e volontari di una dimora dove la ragazza possa affrontare il rigore dell'inverno, mentre sono in corso contatti con ricercatori e medici di tutta Italia per far sì che si possa dedicare la giusta attenzione al male, che affligge diverse decine di casi soltanto in zona, anche se i sintomi non sempre sono simili e facilmente riconoscibili.

-Ads-

Ad oggi, infatti, le persone affette da MCS non possono ricevere cure in un pronto soccorso sia per mancanza di locali adeguati ad accoglierle, sia perché la maggior parte dei medici, non conoscendo la sindrome, si trovano impreparati a prestare assistenza.

Ed è proprio per questo che il gruppo "Sensibilizzazione e ricerca" del Comitato vuole promuovere al più presto una giornata di studi sul problema, per far sì che da Angri parta un forte impulso per attrezzare almeno una sala ospedaliera in Italia per accogliere i malati di MSC. Intanto, anche il Comune di Albanella, dopo quello di Angri, ha approvato in consiglio comunale una delibera con la quale si chiede alla Regione Campania il riconoscimento della MSC come malattia invalidante, e nel centro cilentano il presidente del consiglio, Valeria Mazzarella, ha preso a cuore il caso di Daniela.

Sia la delibera di Angri che di Albanella saranno inviate a tutti i Comuni della Regione, affinché la questione assuma una rilevanza ancora maggiore. E prosegue anche la raccolta dei tappi nelle famiglie angresi, il cui devoluto sarà interamente donato sul conto corrente comunale. Nei giorni scorsi, alcuni angresi residenti a L'Aquila hanno avviato anche in terra abruzzese la raccolta dei tappi.  Francesco Rossi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here