I Circolo, sindaco e assessore garantiscono sulla sicurezza dei lavori

0

Non cala l’attenzione, ad Angri, sul cantiere presente nella scuola intitolata al Beato Alfonso Maria Fusco. Alcune mamme, proprio attraverso le pagine del nostro giornale, avevano chiesto risposte sulla sicurezza del cantiere presente nella struttura scolastica, e, a tal proposito, avevano esternato molti dubbi e preoccupazioni. Infatti, ieri mattina si è tenuto l’incontro, presso il primo circolo didattico in via Adriana, tra i genitori degli alunni e il dirigente scolastico, Maddalena Pellegrini, il presidente di circolo, Caterina Barba, il sindaco Pasquale Mauri, l’assessore Anna Maria Russo, il responsabile U.o.c. lavori pubblici, ingegnere Benedetto D’Ambrosio, il direttore dei lavori e responsabile della sicurezza, ingegnere Andrea Bianco, il responsabile della sicurezza della scuola, ingegnere Antonio Tobia.

“Ho organizzato quest’incontro –spiega Maddalena Pellegrini, dirigente scolastico- per dare voce alle preoccupazioni e alle paure dei genitori degli alunni del primo circolo didattico, e per fare in modo che gli ingegneri e i tecnici forniscano tutte le risposte in ordine alla sicurezza del cantiere.”

-Ads-

Il sindaco Mauri ha chiarito che l’impalcatura nella scuola è a norma e in sicurezza, che c’è un direttore dei lavori, e che la dirigente Pellegrini ha chiesto che tutta la documentazione fosse completa ed esaustiva in ordine alla sicurezza dell’edificio coperto dall’impalcatura. C’è un piano sicurezza, un piano emergenza, inoltre il cantiere non interferirà con le attività scolastiche, inoltre da oggi parte un servizio di contatto continuo tra genitori e amministrazione comunale, responsabili scolastici, e dei lavori.

“Superata una prima fase di incomprensioni, -dichiara Pasquale Mauri- abbiamo costituito un comitato composto da alcuni genitori, dal direttore dei lavori, e dalla dirigente scolastica, per trovare le soluzioni per garantire a tutti la sicurezza degli studenti durante le ore di lezione.

Purtroppo, per ragioni tecniche, non possiamo ottemperare a tutte le richieste dei genitori, tra cui fare i lavori quando i bambini non sono a scuola. Soltanto i lavori più delicati, e che costituiscono motivo di preoccupazione non verranno effettuati durante le ore di lezione. Tuttavia la mia amministrazione resta sempre disponibile ad ascoltare le richieste dei genitori.”

La situazione resta monitorata e osservata con lente d’ingrandimento dai genitori non ancora del tutto convinti dalle rassicurazioni. Si attendono gli sviluppi da parte del comitato che si costituirà tra un paio di giorni. Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here