Un anno scolastico col dubbio accorpamenti

0

L’inizio tra breve delle attivitá didattiche non dovrebbe causare disagi agli alunni. Le attenzioni sono particolarmente focalizzate sulle strutture di competenza dell’amministrazione comunale. In particolare Primo Circolo (via Cervinia e via Adriana), Secondo Circolo (piazzale Lazio e fondo Rosa Rosa) e Terzo Circolo (via Nazionale, via Dante Alighieri e piazzale Lazio).

La competenza in merito alla gestione delle scuole medie siano esse inferiore, che superiori non è di Palazzo di Cittá sebbene alcuni immobili siano di proprietá comunale. L’anno scorso problemi furono riscontrati presso la struttura del rione 167 visti i disagi con cui si dovettero confrontare genitori ed alunni.

-Ads-

Ritardi dovuti all’assenza di alcuni lavori di completamento della sede, tra cui i servizi igienici. Le attivitá di monitoraggio e supervisione come di consueto riguarderanno innanzitutto gli asili nido. Accanto a quello comunale anche numerose strutture private, che nel corso degli anni si sono radicate sul territorio. I nidi sono in particolare al servizio delle madri lavoratrici e dopo la chiusura tra le polemiche di quello di Corso Italia è operativo quello comunale del quartiere Alfano.

Giá avviati, inoltre, durante la gestione commissariale i lavori della scuola media di via Stabia e la costruzione della palestra del plesso di via Adriana. Sempre lungo la stessa arteria in fase di completamento sia la scuola elementare, che quella materna.

Ancora da ultimare anche la sistemazione esterna con riguardo al parcheggio, alle aiuole, all’area giochi ed all’illuminazione. Sono numerose comunque le strutture dislocate sul territorio cittadino che necessitano di continue attivitá manutentive.

Costi che aumentano di anno in anno e che potrebbero essere razionalizzati a seguito dell’accorpamento degli istituti, in particolare di quelli comunali. Una ipotesi che giá da qualche anno viene avanzata. Intanto, è da notare che l’inizio della scuola segnerá anche il notevole incremento di traffico.   Pippo Della Corte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here