Parcheggi, aumentano gli spazi a pagamento

0

Le strade cittadine continuano a tingersi di blu. In aumento, infatti, le zone a pagamento. A farne le spese automobilisti e residenti. Un provvedimento è stato firmato da Anna Galasso, capo dei vigili urbani, e Vincenzo Ferraioli, alla guida del settore urbanistica.

Il provvedimento ha individuato la necessitá di ampliare ulteriormente le zone sottoposte al pagamento del ticket orario. Coinvolto corso Vittorio Emanuele fin quasi alla stazione ferroviaria. 

-Ads-

Il controllo del grattino è affidato agli addetti dell’azienda speciale cittadina Angri Eco Servizi. L’obiettivo per l’amministrazione è fare cassa attraverso gli introiti derivanti dal pagamento della sosta.

Tempi duri, quindi, soprattutto per i numerosi pendolari che sono soliti parcheggiare nei pressi della ferrovia per recarsi sul posto di lavoro. Da notare che l’ex scalo merci, che potrebbe essere adibito allo scopo, è in uso al gruppo AR.

E’ stato quindi ridotto lo spazio libero dove poter sostare, sebbene verranno realizzati alcuni stalli per i motocicli. La rimodulazione della sosta ha previsto «la realizzazione di venticinque stalli per la sosta a pagamento al lato est compreso tra piazza don Enrico Smaldone e via Dante Alighieri, la creazione di uno stallo per la sosta del carico scarico merci, la realizzazione di quattro stalli per la sosta dei motocicli e la riconferma di due stalli per la sosta per i portatori di handicap». 

Ancora: «La realizzazione del divieto di sosta lungo tutto il tratto di corso Vittorio Emanuele lato ovest, la realizzazione di nove stalli a pagamento al lato est compreso tra via Dante Alighieri e il civico 134, la realizzazione di sette stalli per i motocicli e sosta libera dal civico 134 alla stazione ferroviaria».

In sintesi le aree di sosta soggette a ticket aumenteranno di 33 unitá, coinvolgendo un lungo tratto precedentemente libero utilizzato anche dai residenti sprovvisti di box auto e dagli esercenti della zona.

Da anni la questione viabilitá è una costante per tutte le amministrazioni. A pesare l’assenza di un piano organico. Da segnalare che sono nulle le multe per le auto che parcheggiano nelle strisce blu se vicino non vi sono parcheggi liberi, ovvero strisce bianche.  Il problema naturalmente rimane quello dei controlli da parte della polizia locale e le multe.   Pippo Della Corte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here