Il Comune richiamato per non aver fornito gli atti

0

Richiamo della Presidenza del Consiglio dei Ministri al Comune di Angri: nonostante le richieste di un cittadino, non ha fornito la documentazione richiesta sul contratto e i canoni di depurazione della Gori, ed ha 30 giorni di tempo per «mettersi in regola».

La lettera ufficiale è datata 13 giugno, ad inviarla la Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, destinatario il sindaco Pasquale Mauri.

-Ads-

Il cittadino angrese Antonio D'Ambrosio ha chiesto al Comune in data 20 aprile e 22 maggio «le informazioni ed i documenti» sul subentro della Gori al Comune di Angri nel 2004 per la gestione comunale del servizio idrico, e sulle «indebite richieste di somme per fornitura di acqua, comprensive del costo del canone di depurazione inesistente».

D'Ambrosio ha anche richiesto «di voler annullare la cessione e la comunicazione dei miei dati personali, senza il mio consenso, alla Gori Spa, ed a soggetti privati o concessionari addetti alla riscossione».

La Commissione ministeriale ha invitato il Comune «a trasmettere entro 30 giorni dettagliati chiarimenti ai fini della definizione della pratica», in nome del «principio di trasparenza in materia di diritto di accesso agli atti amministrativi» francesco rossi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here