Quella “strana” delibera…

6

Riceviamo e pubblichiamo

ANGRI GIUNTA COMUNALE – LA DELIBERA DEI CONTRASTI

-Ads-

 

Nelle discussioni sull’ attività amministrativa angrese, da diversi giorni tiene banco la delibera di giunta comunale n. 181 del 09.11.2010, con la quale si approva un programma di eventi di intrattenimento. Il progetto ha un costo previsto di €200.000, così presuntivamente ripartito : €70.000 Comune di Angri; €30.000 Sponsor privati; €100.000 Regione Campania.

 

LA REGIONE, che finanzia questi progetti, chiede che gli eventi raccontino la Campania attraverso i suoi “CONTRASTI”, espressione delle peculiarità di un territorio quale quello campano. Lo stesso bando regionale, cita come esempi : “continuo/discontinuo, realtà/illusione, identità/diversità, paura/coraggio”, che potranno essere rappresentati mediante espressioni artistiche, con le quali il territorio racconta se stesso quale frutto di forze contrapposte.

 

LA GIUNTA COMUNALE DI ANGRI, forse prendendo troppo alla lettera il bando regionale, ha proposto una sua personale interpretazione del tema dei “CONTRASTI”. Solo dopo una lunga e attenta lettura della delibera, infatti, emergono una serie di contrasti, che, cripticamente, l’Amministrazione doriana forse vuole far emergere come qualificazione della propria attività.

 

PRIMO CONTRASTO – COMPETENZA/INCOMPETENZA I Comuni non sono tra i soggetti destinatari della deliberazione di Giunta Regionale n. 714 del 25/10/2010. Se ne deduce, pertanto, l’incompetenza dell’ Ente Comune a deliberare in tale materia. Ma le teste pensanti – è noto – non mancano mai nelle stanze dei bottoni. Per cui si approva un progetto e lo si invia ad uno degli Enti competenti : l’Ente Provinciale per il Turismo. In tal modo si supera il contrasto competenza/incompetenza !

 

SECONDO CONTRASTO – ASSENZA/PRESENZA L’Assessore firmatario della proposta di delibera n. reg. settore 59 n. reg. gen.le 193 del 09.11.2010, è il dott. Giuseppe Mascolo. Lo stesso risulta però assente nella seduta di giunta, tenutasi sempre il giorno 09.11.2010, nella quale si approva la delibera. Nessuna particolare incongruenza, potendo lo stesso aver presentato la proposta ed essersi dato alla fuga subito dopo. A ben leggere, però, la proposta recita : <<Sentita la relazione dell’ Assessore alla Cultura, Turismo e spettacolo dottor Giuseppe Mascolo >>. La delibera vera e propria, approva la proposta nella sua interezza, come <<parte integrante e sostanziale del . . . provvedimento>>. Nella delibera, quindi, è come se si dicesse che l’ ASSESSORE ASSENTE dott. Giuseppe Mascolo, VIENE UDITO dai componenti della Giunta Comunale. Qui il contrasto proposto è l’assenza/presenza assessorile, che parla pur essendo assente!

 

TERZO CONTRASTO – PARERE/PARERI La delibera, pur comportando evidentemente dei conseguenti impegni di spesa, risulta assunta con il solo parere di regolarità tecnica. Manca, cioè, il parere di regolarità contabile,previsto dall’art. 49 D.Lgs. 267/2000. La stessa delibera, pertanto, risulta annullabile per violazione di legge, non avendo acquisito tutti i pareri obbligatori, di cui al citato articolo. In questo caso: one gust, is meglio che two !

 

QUARTO CONTRASTO – ONNIPRESENZA/ASSENZA

La scheda progettuale identificativa dell’evento, al punto 1), anziché indicare il <<Titolo del progetto>>, riporta le parole <<Pasquale Mauri Sindaco>> . Non si capisce se, in tal modo, il nome del Sindaco viene proposto quale stereotipo della rappresentazione dei contrasti !

 

QUINTO CONTRASTO VARIE/EVENTUALI A margine si rilevano poi altri ultronei contrasti, tra cui : -il fatto che il progetto parte il giorno 8 novembre, ma viene approvato solo il giorno successivo; -si apprende che ad Angri vi sono chiostri e certose in abbondanza e, per di più, di singolare fascino e bellezza; -si ipotizza un flusso di presenze di 50/80 mila persone e che tutti o parte, pernotteranno ad Angri (dove?) da 2 gg. a una settimana; -si prevede una positiva ricaduta sull’occupazione nel campo turistico culturale, tra gli addetti con esperienze precedenti nel (?) campo delle pari opportunità; -non si comprende qual’ è il tema del contrasto proposto (ovviamente oltre a quelli da noi rilevati).

 

PER EVITARE CONTRASTI Sign. Sindaco, mi rivolgo direttamente a Lei, visto che nessuno (o quasi) replica più ai miei rilievi: <<Non è forse il caso che le delibere, dopo essere state scritte, vengano anche lette da qualcuno, prima di essere messe alla Sua firma ? >>

 

Andrea Di Giorgio

consulenza normativa Fanonicola Alfano

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here