Forum dei giovani, scoppia la polemica

1

Riceviamo e pubblichiamo – CAMBIANO GLI UOMINI, MA NON LE ABITUDINI. I movimenti politici Nova Luce ed Avanguardia intervengono sul Forum dei Giovani. Tra pochissimi giorni in consiglio comunale si discuterà del Forum dei Giovani e si approverà il suo statuto. L’amministrazione del “Si cambia davvero!” si appresta a varare il nuovo strumento, sostenuto e finanziato dall’Unione Europea, per iniziare i giovani angresi a un’attiva vita cittadina politica e sociale.

Il buon Pasquale Mauri e i bravi giovani al suo seguito ben ricordano l’esperienza negativa del Forum dei Giovani del 2007, all’epoca da loro tanto criticata. In quell’occasione, infatti, fu evidente il tentativo dell’allora amministrazione Mazzola di ridurre il Forum a un’ appendice del consiglio comunale e ad uno strumento di ricatto per qualche partito di maggioranza. Ci duole osservare, però, che il Forum del “Si cambia davvero” non è molto diverso da quel modo di fare, visti i presupposti.

Infatti, poche settimane addietro, l’assessore alle politiche giovanili Annamaria Russo convocò alcune associazioni e alcuni movimenti politici giovanili attivi sul territorio angrese nella sede dell’UDC per discutere dello statuto del futuro Forum dei Giovani.

Tralasciando le critiche sul fatto di essere stati invitati a un pubblico incontro, promosso dall’assessorato, in una sede di partito e non in un locale di rappresentanza del Comune, ci presentammo convinti di partecipare a una discussione costruttiva. Con gran stupore, invece, ci trovammo di fronte alla presentazione di un regolamento già confezionato che non ammetteva alcuna critica né aperture a qualche modifica.

Il nostro disappunto lo illustriamo qui brevemente: è chiarissimo che “l’abito su misura” confezionato per i giovani UDC allontana la moltitudine dei giovani angresi dall’istituzione Forum dei Giovani, costretti, per potervi partecipare, a seguire un iter burocratico troppo farraginoso e poco comprensibile, e addirittura, difficile da illustrare anche da parte dell’amministrazione comunale.

Uno statuto che, in sintesi, lede la democraticità di un organo così popolare quale è il Forum. Un primo e timido tentativo di far rinsavire il sindaco da parte dei Giovani Democratici ha avuto come risposta un categorico “niet” da parte del primo cittadino dopo aver manifestato la sua disponibilità al dialogo. Questo sindaco è davvero aperto alle istanze di coloro che non fanno parte della sua fazione? O lavora unicamente per i suoi “pretoriani”? Noi non chiediamo, come i Giovani Democratici, di allungare i tempi e di complicare la situazione riscrivendo da zero lo statuto.

Siamo sì consapevoli della necessità del confronto tra i giovani garantita dal Forum; vogliamo, anzi, che si accelerino i tempi per la sua attivazione. Ma non tolleriamo che questo Forum sia di nuovo un surrogato della maggioranza di governo, poco accessibile ai più e gestibile solo da chi gravita nell’orbita mauriana. Affinché la partecipazione al Forum sia facilmente accessibile a TUTTI i giovani angresi, chiediamo un confronto col sindaco al fine di modificare pochissimi, ma FONDAMENTALI, dettagli dello statuto.

Per questo siamo pronti ad utilizzare qualsiasi strumento per scardinare ogni tentativo di estromettere dalla vita politica i giovani angresi di qualsiasi ideale politico essi siano. I movimenti politici: Nova Luce Avanguardia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here