Controlli dei vigili in villa comunale

3

“Stiamo tentando di ridare dignità alle bellezze di Angri e non possiamo tollerare che quanto viene realizzato per abbellire e risistemare i beni pubblici venga poi distrutto da qualche delinquente. La Polizia Locale avrà tolleranza zero nei confronti di chi si rende protagonista di danneggiamenti e di atti di vandalismo”.

Queste le dichiarazioni del Sindaco di Angri Pasquale Mauri che, dopo gli ultimi e reiterati atti vandalici che hanno recentemente reso vani gli interventi migliorativi, che hanno avuto per oggetto le aiuole della Villa Comunale, decide di rispondere alla minaccia di stampo vandalico predisponendo per il controllo dell’intera area dei Giardini di Villa Doria un’unità della Polizia Locale. La decisione, già messa in cantiere dal primo cittadino angrese, è diventata realtà con il tentativo di proteggere la fonte principale del verde pubblico angrese, nonché luogo di intrattenimento per tutte le fasce d’età.

L’ufficio stampa del Sindaco di Angri Pasquale Mauri ha fornito i seguenti dati a tal proposito “Durante la settimana lavorativa la Villa comunale viene sorvegliata e pattugliata in due fasce orarie: dalle ore 8:00 alle ore 14:00 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00. Inoltre, nel fine settimana il controllo viene esteso ad una terza fascia oraria che va dalle ore 22:00 alle ore 24:00.” Questo è un passo, che si inserisce in una più ampia opera delineata dal Sindaco di Angri che congloba la Polizia Locale.

Su questa linea le parole espresse dal primo cittadino di Angri in un’altra occasione “l’Assessore alle Politiche Sociali Russo e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Barba si stanno attivando per predisporre un programma di sensibilizzazione che sarà portato nelle scuole e a conoscenza della popolazione in ordine a tantissime regole che dovremo rispettare, regole che vanno ad esempio dal rispetto del codice della strada e dell’orario di deposito dei rifiuti.

Nel frattempo ci stiamo attrezzando per potenziare il corpo dei Vigili Urbani, ci stiamo attrezzando per potenziare il corpo delle guardie ambientali e della protezione civile. Perché dopo la prima fase di sensibilizzazione e di educazione al rispetto delle regole, passeremo alla fase della repressione, nel senso che i cittadini che non si atterranno alle regole del normale vivere civile saranno multate.” Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here