Centro raccolta rifiuti, finanziato il progetto per nuovo sito!

0

Un nuovo centro di raccolta dei rifiuti sarà realizzato in via Campia grazie al finanziamento del Ministero dell’Interno che ha riconosciuto e finanziato la progettazione inoltrata dal Comune di Angri nell’ambito della “Attribuzione risorse per investimenti destinati ad opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile”.

-Ads-

All’Ente doriano sono stati assegnati 130mila euro per ciascuna delle annualità dal 2021 al 2024, e per il solo 2021 di ulteriori 130mila euro.

La somma di 260mila euro che l’amministrazione comunale conta di incamerare sarà indirizzata alla “Mobilità sostenibile e riqualificazione del patrimonio comunale” che prevede l’istituzione di un’area pedonale nel centro cittadino con l’installazione di quattro varchi con telecamere e il progetto la realizzazione del centro comunale di raccolta in via Campia.

Il nuovo centro comunale di raccolta sorgerà nella zona di confine tra i comuni di Angri e Sant’Antonio Abate dove insiste il nuovo svincolo autostradale della Napoli – Salerno e l’ingresso alla 268 statale del Vesuvio. La fase di progettazione è stata già avviata con l’assegnazione dell’incarico alla “Società di Ingegneria Imperia S.r.l.” con sede a Salerno con compenso per le prestazioni professionali “determinato in complessivi € 12.434,24 euro”.

Il nascente centro di raccolta andrà ad aggiungere all’attuale quartier generale dell’azienda speciale “Angri Eco Servizi” da anni allocata presso via Stabia. “Finalmente la nostra città avrà un nuovo e moderno centro raccolta – spiega l’assessore all’ambiente Maria Immacolata D’Aniello – una struttura che andrà a dare supporto logistico alla vecchia sede di via Stabia. Ci auguriamo, che la realizzazione di tale opera andrà ad arginare il dannoso e vergognoso fenomeno dell’abbandono dei rifiuti che quotidianamente l’amministrazione comunale si trova a dover gestire con un forte impatto sia di carattere ambientale che dal punto di vista finanziario poichè l’Ente comunale è obbligato a dover elargire somme di denaro per la rimozione anche di rifiuti speciali abbandonati in maniera incosciente in ogni parte della città da una minoranza di cittadini che non si rende ancora conto dei danni che provocano sia dal punto di vista ambientale che al decoro urbano”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here