“Galvani – Opromolla”, premiata dal WWF per i progetti ambientali

0

Di Luigi D’Antuono

Difficile celare la soddisfazione alla scuola “Galvani – Opromolla” per la conquista del primo posto nella graduatoria nazionale del concorso indetto dal WWF nell’ambito del progetto “Mi curo di Te”.

-Ads-

Un percorso appassionante che ha origine dalla volontà di investire in educazione, dunque nel “capitale umano” e dedicato a sensibilizzare le nuove generazioni.

Il lavoro portato avanti dai docenti, con il contributo fattivo di delle famiglie degli alunni, ha messo insieme 40000 punti grazie alle attività proposte in classe dagli insegnati che hanno avuto il merito di stimolare la curiosità e l’impegno dei ragazzi sensibilizzandoli su tematiche ambientali di assoluta rilevanza.

L’edizione di quest’anno di “Mi Curo di Te” ha approfondito il tema dell’Agenda ONU 2030 e delle foreste con un approccio molto originale.

Il percorso, infatti, inizia presentando alcuni “Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” e la meraviglia che piante e foreste suscitano in chi le sa ascoltare e osservare, si sviluppa creando consapevolezza sulla loro importanza per il pianeta grazie ai servizi ecosistemici, affronta le cause che portano alla deforestazione e propone soluzioni al problema della perdita del patrimonio forestale.

Un percorso di carattere ambientale che si integra con le nuove linee guida ministeriali sull’insegnamento dell’educazione civica, nuova disciplina obbligatoria che ruota intorno a tre assi fondamentali: cittadinanza digitale, costituzione, sostenibilità.

L’attenzione dei docenti, coordinati da Carlo Ciotti, si è focalizzata sul recupero delle aree verdi della città e del pianoro del “Chianiello”, luogo simbolo della città doriana ricadente nel parco dei Monti Lattari.

Idee che hanno riscosso l’interesse e l’approvazione di quanti hanno a cuore il patrimonio verde del pianeta e da anni portano avanti il progetto del Wwf, “Mi Curo di Te”.

“Tra le proposte presentate dalle varie classi sono emerse in particolare: l’adozione del parco del Chianiello, la cura delle aree verdi della nostra città e il recupero del giardino interno della nostra scuola – spiega il professore Carlo Ciotti – come promotore del progetto sono orgoglioso e soddisfatto dal risultato raggiunto e per questo voglio ringraziare la dirigente scolastica Anna Scimone, tutti i colleghi che hanno aderito e i ragazzi che con le loro famiglie hanno dato un notevole contributo per la vittoria finale, ma nello stesso tempo spero che tra le tante proposte lanciate dalle classi qualcuna possa in futuro essere realizzata”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here