Bretella chiusa, aumentano traffico e inquinamento nel “Quartiere Alfano”

0

La mancata apertura della bretella che da via Stabia raggiunge il nuovo svincolo nella zona Paludicella, a confine con il territorio di Sant’Antonio Abate, contribuisce ad appesantire il traffico veicolare sulle strade cittadine e in particolare del “Quartiere Alfano”.

-Ads-

La strada di collegamento per il nuovo ingresso dell’autostrada A3 e della Statale 268 del Vesuvio era in programma per la fine del mese di marzo ma a distanza di settimane l’accesso è ancora sbarrato.

A pesare sulla prolungata chiusura i lavori commissionati dall’Anas e della Regione Campania per la realizzazione di una rotatoria che dovrebbe rallentare le auto in uscita lungo via Stabia, strada che già normalmente accoglie un’intensa circolazione di veicoli.

I tempi per il completamento dei lavori sono ancora incerti, tuttavia, l’arteria potrebbe rappresentare una valvola di sfogo per il traffico proveniente dalla vicina Sant’Antonio Abate evitando così agli utenti di attraversare il “Quartiere Alfano” che in seguito alla chiusura dello storico casello di via dei Goti deve fare i conti con un incremento di traffico e di inquinamento ambientale.

Beghe di carattere politico in passato hanno fatto trapelare anche l’indiscrezione circa l’inclinazione del sindaco Cosimo Ferraioli di non assumere un atteggiamento pressante per l’apertura della strada che da via Stabia conduce alla rampa di accesso all’autostrada e alla Statale 268 del Vesuvio.

L’amministrazione comunale prima di concedere il via libera ha preteso dalla Regione Campania e dall’Anas la costruzione di rotatorie.

L’altro capitolo riguarda via Campia, strada concepita come collaterale alla viabilità extraurbana che si ritrova ad essere elemento di connessione con la trafficata 268 del Vesuvio e con l’A3.

Una condizione al limite che pone grossi interrogativi anche in merito alla progettazione attuata anni addietro che ha previsto la realizzazione delle nuove rampe di accesso in una zona ad alta vocazione agricola e con servizi inesistenti che mettono a rischio anche la tenuta delle abitazioni che sorgono sulla strada.

La carreggiata non annovera la presenza di marciapiedi utili per il passaggio di pedoni costretti a guadagnarsi posizioni di fortuna al passaggio contemporaneo delle autovetture e dei mezzi pesanti.

Via Campia confluisce sulla rotatoria di via Paludicella dove convergono le auto provenienti anche dalle confinanti città di Scafati e Sant’Antonio Abate e oggi la via rappresenta l’unica soluzione per raggiungere lo svincolo autostradale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here