Concorso Angri Eco Servizi, commissione e data i nodi da sciogliere

0

Sono 675 i candidati che ambiscono a ricoprire un posto nell’azienda speciale “Angri Eco Servizi”. Al bando di concorso pubblicato nei mesi passati hanno risposto in tanti coltivando la speranza di poter entrare a far parte dell’azienda “in house” del Comune di Angri.

L’attesa circa le modalità di partecipazione si trascinava da anni e la pubblicazione rappresenta il notevole interesse della comunità angrese verso nuove opportunità di lavoro.

Difficile ipotizzare quando sarà possibile far svolgere le prove selettive ai candidati in considerazione delle norme contenute nel Dcpm che hanno annullato i concorsi.

Tutto sarà legato alle indicazioni del governo centrale ma nel frattempo nel quartier generale dell’azienda in via Stabia si lavora per gli atti propedeutici rimanendo in costante contatto con la società che si occuperà dello svolgimento delle prove di selezione.

L’azienda speciale Angri Eco Servizi ha previsto una preselezione qualora il numero delle domande di partecipazione superi il numero di 50 partecipanti. La notizia del concorso era già trapelata in piena campagna elettorale con le procedure già avviate e ieri i vertici dell’azienda di via Stabia hanno condotto al capolinea i procedimenti e ora si attende l’imminente pubblicazione sul Burc della Regione Campania per dare il via libera all’invio delle istanze da parte dei cittadini.

Nello specifico i profili richiesti sono 13 addetti da adibire nell’Area operativo con funzioni relative allo spazzamento, Raccolta, Tutela e Decoro del Territorio, all’attività di spazzamento e raccolta rifiuti con l’ausilio di veicoli per la conduzione dei quali è richiesta la patente di categoria “B” per i quali è previsto l’inserimento a tempo indeterminato e a tempo pieno nell’organico della Angri Eco Servizi” e di 2 addetti alla manutenzione del verde pubblico. L’ultimo bando di concorso dell’azienda speciale risale al 2016 con assunzioni relative a contratti a tempo determinato.

“Sono 675 le domande accertate per il bando di concorso AES, dopo la verifica dei requisiti effettuata si procederà alla pubblicazione delle stesse – spiega l’assessore all’ambiente Maria Immacolata D’Aniello – i tempi per l’espletamento del concorso saranno dettati dalle procedure di individuazione delle commissioni e da quanto previsto dalle norme anti-covid19. In riferimento alle commissioni saremo orientati nella scelta di una commissione di organi specifici attraverso “il protocollo di legalità”, scelta fortemente voluta dal sindaco e da tutta l’amministrazione comunale”.

Un concorso che ha vissuto una fase tribolata con tempi che si sono allungati a causa della recente campagna elettorale. “Il bando per le assunzioni era pronto già a febbraio, purtroppo la pandemia ha bloccato tutte le procedure concorsuali compreso il nostro – commenta la D’Aniello – per questo motivo abbiamo dovuto rimandare le procedure anche per in creare polemiche in piena campagna elettorale evitando speculazioni politiche di ogni genere”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here