Mensa, trasporto e asilo nido: tariffe bloccate!

0

“Nonostante il rincaro per l’adeguamento dei servizi ai protocolli anticovid, le rette mensili non sono state aumentate, rispetto allo scorso anno!”.

Il vice sindaco Alberto Barba, con delega alle politiche scolastiche, analizza in maniera serafica l’approvazione delle delibere concernenti le tariffe di asilo nido comunale, mensa e trasporto scolastico.

Servizi che hanno subito una lievitazione dei costi in seguito alle nuove disposizioni anti-Covid-19 che obbligano l’Ente comunale ma anche i concessionari dei servizi rivolti all’utenza scolastica di aumentare le spese per garantire lo svolgimento dell’attività.

Il Comune di Angri garantisce ampia fetta delle spesa per ottemperare ai servizi che sono coperti anche grazie ai contributi dell’utenza che intende servirsi della mensa scolastica e del trasporto oltre all’asilo nido comunale di “Giovanni Paolo II” ubicato nel secondo circolo didattico di via Leonardo Da Vinci.

Per quanto concerne la mensa il Comune eroga ogni giorno circa 700 pasti per un costo complessivo pari a 209mila euro comprensivo delle spese di certificazione Asl e altri costi che gravano sul servizio dal punto di vista delle autorizzazioni.

I costi per l’utenza variano da 1.80 euro ai 2.80 euro per i non residenti. La differenziazione delle tariffe è legata al valore del reddito attraverso l’indicatore Isee. Il costo totale del servizio viene garantito in parte proprio attraverso l’acquisto dei ticket da parte delle famiglie che contribuiscono alle spese per circa il 52% del costo totale.

Il trasporto scolastico garantisce il trasporto di circa 300 utenti al giorno distribuiti tra scuole elementari e medie e per effetto della fase emergenziale e nel rispetto del norme previste hanno subito una diminuzione del numero degli alunni trasportati per ogni corsa.

Le tariffe variano dai 15 euro alla quota massima di 45.00 per quei nuclei familiari che superano il valore Isee di 22 mila euro. Il Comune si è affidato a ditte private per garantire il servizio che ha un costo di 69mila euro con una copertura del 24% che viene assicurata dall’utenza.

Tariffe invariate anche per l’asilo nido comunale che prevede la presenza di 30 bambini suddivisi tra 15 di età compresa da 3 mesi a 36 mesi , e 15 bambini nella fascia dai 24 ai 36 mesi. I costi sono differenziati per l’utenza è vanno da un minimo di 130 euro mensili ai 360 euro.

La spada di Damocle della giustizia contabile pende sul capo del Comune di Angri in seguito ai provvedimenti emessi lo scorso anno dall’ex commissario straordinario Alessandro Valeri che non ha inteso riconoscere come debiti fuori bilancio la considerevole somma di 350mila euro legata proprio alle gestione dei servizi mensa, trasporto e asilo nido comunale.

Un danno arrecato alle casse comunali per procedure affette da carenze di carattere amministrativo e finanziario.

Nelle delibere approvate dall’ex commissario straordinario Alessandro Valeri viene evidenziato “di dare atto che il mancato riconoscimento non consente al debito oggetto della proposta di entrare nella sfera patrimoniale dell’ente, ma sposta l’obbligazione giuridicamente perfezionatasi in capo all’autore dell’indebitamento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here