Sospiro grigiorosso: successo dopo due mesi!

0

U.S.ANGRI: D’Amico, Volpe, Carrella, Visciano, Loreto M, Cirillo, D’Andrea, Comegna, Marino A, Iapicco, Ascione
A disp: Calabrese, Di Palma, Montuori, Tarallo, Marino G, Loreto A. All. Coppola
COSTA D’AMALFI: Napoli, Palumbo, Mansi, De Martino, Vallefuoco, De Angelis, Pisapia, Lettieri, Ferrara, Apicella, Guerrera.
A disp: Scognamiglio, Asciuti, Senatore, Lambiase, Vessicchio, Infante, Reale, Iommazzo, Caso. All: Ferullo
Arb: D’Angelo di Siracusa
Reti: 30’ Pisapia (aut); 57’ Ascione

Angri: Dal fondo del tunnel finalmente la luce, l’Angri ritrova vittoria e morale dopo tanta sfortuna. A dare la svolta decisiva la notizia diramata dall’ufficio stampa a poche ore dall’incontro contro una delle corazzate del girone B di eccellenza, il Costa d’Amalfi che fino ad oggi ha asfaltato signore squadre attestandosi nelle parti alte della classifica. Il risultato della gara è passato in secondo ordine perché dopo tante tribolazioni la società sta prendendo una solida fisionomia.

Coordinati dall’avvocato Armando Lanzione si sono seduti al tavolo il dottore La Pepa, il presidente Limodio e Ferdinando Elefante che hanno raggiunto un accordo per la pianificazione del nuovo assetto societario. Con la riconferma dell’attuale area tecnica si guarda ora al mercato di riparazione per rendere la squadra grigiorossa già da subito nuova protagonista del girone e ottenere sul campo al più presto possibile salvezza e permanenza nel torneo di eccellenza. Impresa non facile ma l’Angri vista al Novi contro il forte Costa d’Amalfi lascia presagire ancora altre soddisfazioni. Angri, finalmente c’è e si vede e il Costa d’Amalfi l’ha sentito distintamente il doppio boato che dagli spalti si è alzato per salutare la doppia marcatura che ha sancito una vittoria importante che darà certamente morale all’undici in casacca grigiorossa.

Al fischio del signor D’Angelo di Agrigento parte a testa bassa, marcando ad uomo e per non dare libertà ai ragazzi di mister Ferullo. Finalmente si è giocato da Angri si commentava sugli spalti dove circa ottocento tifosi sono corsi a incitare e sostenere i propri beniamini per spingerli fuori dalla crisi che dall’inizio di campionato ha condizionato l’undici grigiorosso.

I gol uno per tempo sono stati un’autorete di Pisapia alla mezz’ora che su azione di calcio d’angolo ha deviato nelle propria porta e un’azione personale in area avversaria di Ascione che prima ha dribblato un paio di avversari e poi ha concluso alle spalle di Napoli con un pallonetto. Ora si aspetta la conferma della rinascita già dalla prossima gara poi il necessario rinforzo. Insomma ci sono tutte le prerogative per rinascere e risalire la china.
Vincenzo Vaccaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here