Tracollo grigiorosso: al Novi passa anche il Lioni

0

U.S. ANGRI: Calabrese, Volpe, Carrella, Barone (78’Marino E), Loreto A, Loreto M, Cirillo (63’ Nunziata), Comegna (39’ Thiongo), Marino, Iapicco, Ascione (46’ Tarallo).
A disp: Monaco, Visciano, Masi. All: Coppola
LIONI: Imbimbo, De Cillis, Forino, Bravoco, Cinque ( 84’ Castellano), De Simone, Patrone, Coppola, D’Acierno, Todino (77’ Costanzo), Romano.
A disp: Bruni, Ucciardo, Perillo, De Girolamo, Di Pietro, Cetrulo, Libitazzo. All. De Pasquale
Arb: De Cicco di Nola
Reti: 30’ Marino, 39’ D’Acierno, 44’ Todino, 65’ Patrone, 75’ Todino, 90’ Tarallo
Amm: Bravoco, Costanzo (L)
Angoli: 4 a 1 per Angri
Rec: 3’ pt; 3’ st.

Angri. Doveva essere la giornata del rilancio in classifica dopo il confortante pareggio esterno della scorsa domenica; invece la realtà racconta di un Lioni coriaceo capace di mettere in crisi i grigiorossi che almeno nel primo tempo ha schiacciato gli irpini nella propria area di rigore. Mister Coppola, ha subito lanciato in campo Cirillo e Iapicco, gli ultimi acquisti messisi in luce dopo la buona prova offerta domenica scorsa. Gioco veloce, controllo del campo e un Lione costretto sulla difensiva almeno per i primi quarantacinque minuti. La traversa di Marino lanciato da Barone al 10’ ne è stato il biglietto da visita. Al 18’ la risposta dei verdi di mister De Pasquale con un tiro di un soffio a lato. Il pubblico festante incita i propri beniamini soddisfatti del bel gioco espresso in campo dalle due formazioni. Al 28’ un liscio di Imbimbo favorisce la conclusione di Barone che sfiora ancora il palo. L’Angri preme, gioca d’anticipo e con caparbietà lotta su tutti i palloni per avere la meglio di una difesa che col passare dei minuti si oppone sempre con più autorità alle conclusioni degli avanti grigiorossi. Al 30’ il giusto premio per quanto prodotto dagli uomini di mister Coppola, mischia in area ci prova Barone e sulla ribattuta di Imbimbo, Marino di forza mette in rete. Il pubblico si esalta convinto della svolta del campionato dell’Angri condizionato fino ad ora da crisi tecnica prima e societaria poi. L’Angri comincia ad avere fiducia nei propri mezzi conquista la parte nevralgica del campo senza però fare i conti col Lioni che grazie al suo veloce gioco di rimessa agguanta il pareggio al 39’ su azione di calcio d’angolo che trova D’Arienzo pronto a insaccare una corta respinta dei grigiorossi. È pareggio che non impensierisce l’Angri, trafitto nell’unico tiro in porta effettuato fino a quel momento; infatti i grigiorossi riprendono il pallino del gioco ma al 44’ da centro campo Todino pesca Calabrese fuori dai pali e insacca il gol del vantaggio. Avrebbe la possibilità Ascione un minuto dopo di pareggiare ma gli si oppone un ottimo Imbimbo. Nella ripresa, convinto di dare più peso in attacco, mister Coppola lancia nella mischia Tarallo lasciando negli spogliatoi Ascione. Al 52’ e al 55’ prima Barone e poi Iapicco falliscono il bersaglio sbattendo contro il muro difensivo ospite mentre qualche secondo dopo Tarallo tenta la conclusione personale senza guardare Marino meglio piazzato in area e solo davanti a Imbimbo. L’Angri insiste e Barone si fa controbattere ancora da Imbimbo. Ora la difesa irpina giganteggia, anticipa e rilancia in profondità per i contropiedi micidiali. Infatti la difesa angrese si trova impreparata al 65’ consentendo a Todino di presentarsi solo davanti a Calabrese ed insaccare la terza rete. Al 75’ ancora un contropiede e ancora Todino va a segno mortificando, nonostante il pesante punteggio, una buona Angri che per tutta a gara ha cercato di segnare facendolo comunque al 90’ con Tarallo. Una sconfitta pesante per i padroni di casa che arriva proprio quando ci si sta sedendo al tavolo dirigenziale per dare un volto e un assetto societario più solido e guardare al futuro con più ottimismo.
Vincenzo Vaccaro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here