Soldi non recuperati, la Soget sotto accusa!

0

È stato approvato il rendiconto dell’esercizio finanziario relativo all’anno 2012 nel corso del consiglio comunale di lunedì sera. La relazione, sull’importante punto, è stata effettuata dall’assessore al bilancio GiacomoSorrentino, che, inoltre, ha tranquillizzato la cittadinanza sulla situazione delle casse del comune.

«Dopo l’analisi degli incassi e dei pagamenti, – ci troviamo con un avanzo di amministrazione pari a più di 14 milioni di euro, che noi abbiamo deciso, però di vincolare per non provocaredanni finanziari all’ente. C’è anche un avanzo di gestione 2012 di circa 800 mila euro. Stiamo stabilizzando definitivamente la situazione finanziaria, e quindi i dati contabili trovano sempre più corrispondenza nella realtà dei fatti. I residui attivi, ovvero tutti i crediti che dobbiamo riscuotere, ammontano a circa 41 milioni di euro.

-Ads-

I residui passivi, invece, sono circa 35 milioni di euro ». Sorrentino appare più che soddisfatto della gestione economica dell’ente, e così continua: «Un altro elemento positivo è che per l’anno 2012 abbiamorispettato il patto di stabilità, nonostante le regole erano molto rigidi. Inoltre il collegio dei revisori dei conti ci ha dato parere favorevole».

A spostare l’accento da argomenti tecnici a politici, il capogruppo consiliare del pd-centrosinistra.

«Anche il rendiconto -afferma Cosimo Ferraioli- è un argomento di natura politica, nel senso che è rappresentativo della capacità dell’amministrazione di rendere conto ai propri amministrati come ha gestito e come ha operato. Non si può liquidare questo punto in pochi minuti come ha fatto l’amministrazione in consiglio. Inoltre la lotta all’evasione, affidata all’esterno, non ha portato grandi risultati. Il dato allarmante, che l’amministrazione si era ben guardata dal comunicarlo, ma che è emerso grazie alla relazione del collegio dei revisori dei conti, è che su circa 3 milioni di euro accertati dalla Soget, relativamente all’evasione dei tributi Ici e Tarsu, al momento risultano incassati zero euro, soprattutto a causa dei contenziosi ».

Poi querelle sulla dislocazione del distretto sanitario. Il consiglio ha approvato il cambio di destinazione d’uso della struttura comunale di via Dei Goti, e la conseguente permuta con i fabbricati dell’Asl di via Badia e via Fleming. Maria Paola Iovino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here